Carfagna: «Sul discorso di Meloni in Andalusia critiche pretestuose. La sua è passione»

giovedì 23 Giugno 15:55 - di Federica Parbuoni
carfagna meloni

Critiche «pretestuose» sui toni di un intervento mosso da «passione». Mara Carfagna ha commentato gli attacchi rivolti a Giorgia Meloni dopo l’intervento in Spagna, a sostegno della candidata di Vox in Andalusia Macarena Olona.

Carfagna: «Quella è Meloni, ci mette passione. Critiche pretestuose»

Intervistata da Sky Tg24, il ministro per il Sud, già ministro per le Pari opportunità, ha spiegato che quell’intervento «non mi ha meravigliato». «Non mi sono stupita. Quella è Giorgia Meloni, è fatta così. C’è chi vede violenza in quel modo di fare o vede un modo retrogrado, io – ha chiarito Carfagna – ci vedo un eccesso di passione». Dunque, «per me sono pretestuose le critiche sui toni».

Il polverone alzato da Pd e media

La gran cagnara sollevata intorno all’intervento di Meloni in Andalusia è nota: la grancassa ha iniziato a suonarla il Pd, agitando lo spettro del fascismo, all’indomani dell’indiscutibile vittoria di FdI alle amministrative; una parte dei media ha fatto da amplificatore, con un particolare protagonismo di La7, che in una sorta di maratona serale sul tema ha definito il profilo della “donna nera”; sono seguiti interventi di alcuni personaggi dello spettacolo, fra i quali si segnalano quelli di Kashia Smutniak e Vanessa Incontrada, tanto per durezza quanto per eco ricevuta.

Vietato difendere Giorgia Meloni

Chi, invece, ha “osato” esprimere una voce in dissenso si è trovato a sua volta bersaglio degli odiatori social, molto solerti nel seguire le sirene della sinistra. È il caso, per esempio, di Rita Dalla Chiesa, che ha espresso solidarietà a Giorgia Meloni e smascherato la sinistra che «la teme, per questo la denigra». Tale è stata l’ondata di odio nei suo confronti che la conduttrice si è vista costretta a chiarire che «queste frasi sono da denuncia e intendo andare dai carabinieri a farlo». Le parole di Mara Carfagna a difesa di Meloni sono, dunque, particolarmente importanti, anche perché, benché a distanza di diversi giorni dai fatti, si registrano come la prima voce di biasimo sugli attacchi alla leader di FdI che si leva da governo e istituzioni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *