Nuova raffica di sbarchi a Lampedusa, in poche ore 244 migranti sull’isola: l’hotspot si riempie

sabato 14 Maggio 11:15 - di Fulvio Carro
lampedusa

Raffica di sbarchi a Lampedusa. Nel giro di poche ore, dalla notte alla mattina, un continuo flusso. I dati sono allarmanti. Da martedì scorso sono oltre mille i migranti che sono riusciti a raggiungere l’isola. L’hotspot di contrada Imbriacola, dopo settimane di tregua, è tornato nuovamente a riempirsi. E la Prefettura di Agrigento è impegnata  nelle operazioni di trasferimento per alleggerire la pressione sulla struttura.

Lampedusa, in poche ore 244 migranti sull’isola

Dopo i 174 della notte, altri 70 migranti sono approdati a Lampedusa. La motovedetta della Guardia di finanza li ha intercettati a 12 miglia dalle coste dell’isola. Erano a bordo di un barchino lasciato alla deriva. Salgono così a 244 le persone giunte in poche ore sulla più grande delle Pelagie. Complici le condizioni meteo favorevoli, sono dunque ripresi gli sbarchi, uno dopo l’altro.

Da dove arrivano i migranti

Le motovedette della Capitaneria di porto e della Guardia di finanza fanno la spola dal molo Favaloro. Qui i migranti, una volta sbarcati, ricevono la primissima assistenza. Quelli arrivati nella notte provengono da Tunisia, Siria, Egitto, Bangladesh, Pakistan. Ma anche Guinea, Gambia, Mali, Camerun, Costa d’Avorio, Sierra Leone e Burkina Faso. Tra loro ci sono anche 23 donne e 11 minori.

Nella notte a bordo di un barchino

Ritorniamo a quello che è accaduto nella notte. Venticinque tunisini, tra cui 6 donne e 2 minori sono stati rintracciati a molo Madonnina. Erano appena arrivati a bordo di un barchino di circa 6 metri che è stato sequestrato. Intorno a mezzanotte, invece, una motovedetta della Guardia di finanza ha sbarcato al molo Favaloro 65 persone di diversa nazionalità. Tra queste due minori, rintracciati poco prima a circa 12 miglia dalle coste dell’isola. Altri 36 tunisini, tra cui 2 minori, hanno raggiunto la più grande delle Pelagie qualche ora dopo.

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi