Maturità, al via il toto-tracce di italiano. La guerra e la pandemia in pole position per 2 studenti su 5

martedì 26 Aprile 13:15 - di Elsa Corsini

A meno di due mesi dall’esame di Maturità scatta il toto temi. Con gli scritti in arrivo tornano le “scommesse” degli studenti sulle scelte del Ministero. Nel ‘mirino’  le tracce della prova di italiano. Guerra e Covid, secondo i maturandi, saranno i protagonisti del tema di attualità. Scelta prevedibile. E forse scontata. Gli autori più studiati a scuola, invece, hanno poca concorrenza per l’analisi del testo. Per quanto riguarda anniversari e ricorrenze, i 100 anni dalla morte di Verga. E il centenario dalla nascita di Pier Paolo Pasolini sono indicate tra le più papabili per l’esame.

Maturità, scatta il toto tracce di italiano

Secondo un sondaggio di Skuola.net su 1.000 maturandi, la guerra in Ucraina potrebbe essere tra le tracce d’esame. È indicata dal 38%. Il Covid, magari da collegare alle prospettive per il post-pandemia, è l’argomento più probabile per il 15%. In calo rispetto alle previsioni di qualche mese fa. Tra gli autori di prosa dell’800, le preferenze dei maturandi si concentrano su Gabriele D’Annunzio (37%) e Giovanni Verga (34%). Se, invece, l’autore di prosa selezionato dovesse essere del ‘900, Luigi Pirandello è il più probabile per 1 studente su 3. Tra i poeti ottocenteschi, i più quotati sono Giovanni Pascoli (19%) e Giacomo Leopardi (18%). Se ci spostiamo al Novecento, in cima alle previsioni troviamo Giuseppe Ungaretti (16%) ed Eugenio Montale (11%).

Tra gli anniversari la morte di Verga o la nascita di Pasolini

Tra gli anniversari e le ricorrenze, secondo i maturandi potrebbero influenzare le scelte del Ministero i 100 anni dalla morte di Giovanni Verga (32%) e il centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini (23%).

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi