Feltrinelli, Gasparri: “No a esaltazioni e sconti sulle sue colpe. Fu un cattivo maestro, anche per se stesso”

14 Mar 2022 14:56 - di Redazione
Feltrinelli

A 50 anni esatti dalla sua morte, avvenuta il 14 marzo 1972, torna sotto i riflettori Giangiacomo Feltrinelli. Tra chi rivisita, commenta e ricorda vita e impegno dell’intellettuale e editore, anche il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri. Il quale, in controtendenza con facili agiografie e stereotipate esaltazioni culturali, sulla sua figura e sul suo operato rileva: «50 anni fa, nel corso di un attentato ad un traliccio elettrico, moriva Giangiacomo Feltrinelli. In questi giorni si ricorda la sua opera di intellettuale e di editore. Ma si sottovaluta, o talvolta addirittura si esalta, la sua più che discutibile opera di fondatore di gruppi terroristici. E la sua azione di sostegno a persone che riempirono in quei drammatici anni ’70 l’Italia di sangue. Del resto lo stesso Feltrinelli morì durante un attentato che lui aveva concepito e che tentò di eseguire personalmente».

Giangiacomo Feltrinelli, Gasparri: “No a equivoche esaltazioni di un cattivo maestro”

«Ma in questi giorni si legge di tutto», prosegue Gasparri nella sua riflessione. Aggiungendo: «Addirittura su un giornale capita di imbattersi in frasi di noti giornalisti che dicono che “ridurre l’eredità culturale di Giangiacomo Feltrinelli al suo epilogo militarista, è una forma di ignoranza tipica dello spirito vendicativo che si abbatte su chiunque abbia osato tentare un assalto al cielo”». Pertanto, sottolinea il senatore azzurro, «mettere bombe ai tralicci e finanziare gruppi terroristici in Italia e all’estero è considerato da qualcuno “un assalto al cielo”, del quale si dovrebbe avere nostalgia». Mentre per Gasparri, «Feltrinelli è stato un cattivo maestro, anche per se stesso. Si è immerso in vicende che gli sono costate la vita. Rimanendo vittima della sua imperizia di terrorista che intendeva passare dalla teoria all’azione. Per fortuna che “quell’assalto al cielo” è stato sconfitto. Era l’assalto del terrorismo. Di chi seminava sangue nelle strade».

Gasparri: va ricordato con onestà intellettuale senza sconti per “le gravi colpe di cui si è macchiato”

E allora, esortando a rileggere sinceramente la figura dell’editore scomparso 50 anni fa, Gasparri invita all’onestà intellettuale e a soffermarsi sul fatto che: «Ricordare Feltrinelli è ovvio, ma in maniera sincera. Sottolineandone la negatività e le gravi colpe di cui si è macchiato. Evitando una equivoca esaltazione di uno dei peggiori protagonisti della recente vita italiana. Speriamo  – conclude quindi il senatore – che chi è nostalgico “dell’assalto al cielo” non ne voglia riproporre le imprese come quelle di un “eroe” dell’album di una famiglia sbagliata».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA