Le troppe “verità nascoste” degli anni di piombo: le ambiguità da sciogliere per fare chiarezza

mercoledì 12 Maggio 11:37 - di Mario Bozzi Sentieri
anni di piombo

C’è veramente voglia di verità rispetto al detto e non detto degli anni di piombo? In occasione del Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo, lo stesso Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha richiamato la necessità di fare piena luce sui troppi angoli oscuri che hanno segnato quegli anni. L’arresto, a Parigi, di sette ex terroristi, quasi tutti brigatisti rossi, condannati per gravi crimini di sangue, ben oltre i singoli, gravissimi casi, è un invito a squarciare la coltre di silenzio sulle connivenze e sulle ambiguità di una sinistra storicamente divisa tra riformisti e massimalisti.

Quella “zona grigia” della sinistra

A denunciare la “zona grigia” di chi silenziosamente approvava la lotta armata, appoggiandola o meno, arriva ora la testimonianza di Carlo Castellano, vittima, a Genova, di un agguato terroristico nel 1977. All’epoca dirigente dell’Ansaldo e iscritto al Pci, Castellano, intervistato dall’inserto genovese de la Repubblica, parla senza mezzi termini: «In Italia la sinistra è sempre stata dilaniata tra massimalismo e riformismo. E in qualche modo dentro al Pci, al Psi, nei sindacati e nell’intellighenzia, ma anche nei gruppi cattolici c’era il filone della lotta di classe e di rivoluzione, e qualcuno ha inteso che questa lotta dovesse essere armata».

Il “caso Genova”

Genova, in questo ambito, è stata una delle città-simbolo del terrorismo rosso: la città, per citare alcuni episodi, del Gruppo XXII ottobre (prima organizzazione terroristica della Sinistra extraparlamentare, attiva in città, dal 1969 al 1971); del rapimento del giudice Sossi da parte delle Brigate Rosse; dell’uccisione, nel 1976, sempre ad opera delle Br, del Procuratore generale Francesco Coco con la sua scorta. E poi, nel 1979, dell’operaio Guido Rossa, “reo” di avere denunciato un fiancheggiatore delle Br intento a distribuire volantini brigatisti all’interno dell’Italsider.

Genova è stata anche, non va dimenticato, la città in cui il Pci svolse, più che altrove, una metodica azione egemonica, saldamente radicata in un’esperienza partigiana sanguinosa, che andò ben oltre il 25 aprile 1945, e che esplose, nel 1948, in occasione del ferimento di Palmiro Togliatti, allorquando il capoluogo ligure divenne, per diversi giorni,  lo scenario di duri scontri a fuoco tra i rivoltosi comunisti e le forze dell’ordine.

Il legame tra vecchi partigiani e giovani extraparlamentari

Quello di Genova non è però un esempio isolato. Emblematico quanto accadde alla fine degli Anni Sessanta in Emilia, dove, come rivelò Alberto Franceschini, uno dei fondatori delle Br, era stretto il rapporto tra i vecchi partigiani ed i giovani extraparlamentari di sinistra, ideali continuatori della vecchia Resistenza. Lo stesso Franceschini ebbe modo di  descrivere  la sua visita a un deposito di armi creato dai partigiani fuori Reggio, in campagna, con trenta, quaranta mitra Sten che funzionavano alla perfezione oltre vent’ anni dopo il 25 aprile. Alcune di queste armi verranno poi sequestrate dalla polizia, nel 1982, durante un’ irruzione in un covo brigatista.

L’ala massimalista del Pci

All’interno del Pci era, del resto, ben presente e rappresentata ai massimi livelli un’ala militarista e massimalista, i cui personaggi di spicco erano Pietro Secchia e Pietro Longo, impegnata a continuare, dopo il 1945, la Resistenza, per abbattere la “causa reale” del fascismo, il sistema capitalistico e i “nuovi servi” democristiani.

I rapporti tra Br, servizi segreti dell’Est e altri terroristi

Ultimo, ma non meno rilevante aspetto, essenziale per fare piena luce sugli anni di piombo e sul ruolo del terrorismo rosso, sono i rapporti tra le  Br e i servizi segreti dell’Est comunista, a partire dal Kgb. Gli archivi di Mosca e di Berlino hanno peraltro già rivelato come uomini delle Br siano stati in rapporti sia con altri gruppi terroristici, sia con agenti dell’Est comunista, sia con uomini dell’ala massimalista del Pci. Il 9 marzo 1982, durante un’udienza del processo per il rapimento del generale americano James Lee Dozier, il brigatista Antonio Savasta ammise: «Il rappresentante dell’Olp chiarì che il contatto con noi puntava a costruire un fronte di lotta contro Israele da noi, e con la Raf, in Germania. In seguito a ciò, l’Olp ci inviò armi e esplosivo plastico».

Il tempo della chiarezza sugli anni di piombo

Su questo insieme di rapporti, connivenze, condivisioni ideologiche è tempo di fare finalmente piena luce. A cominciare da quello che Castellano  identifica come «le ragioni di quel processo durissimo che ha investito un pezzo di sinistra, in particolare i più giovani, ma anche quella sinistra rivoluzionaria che si rifaceva al racconto della Resistenza tradita». Ha  sottolineato il presidente Mattarella: «La completa verità sugli anni di piombo è un’esigenza fondamentale per la Repubblica». Ora è tempo di passare dagli auspici ai fatti. Per chiudere veramente una stagione di odio e di sangue e aprirne, finalmente, una fatta di verità e di piena assunzione di responsabilità.

 

 

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *