Bassetti: «La quarantena di 7 giorni è una roba da Lazzaretto del 1400. Facciamo le persone serie»

lunedì 28 Marzo 13:41 - di Elsa Corsini

Il ritorno in comunità dopo la positività deve avvenire solo dopo un tampone negativo. E questo può accadere anche dopo 2 giorni. La quarantena di una settimana è roba preistorica. La pensa così Matteo Bassetti. La chiusura di 7 giorni per i positivi anche dopo il primo aprile “è una decisione di pancia. Che non ha nessuno fondamento”, dice l’infettivologo genovese. “Una misura uguale per tutti, stabilita a priori è una modalità che si faceva al Lazzaretto di Venezia nel 1400. Quando la quarantena durava 40 giorni”. Bassetti lo dice chiaro e tondo. “Si sta riproponendo anche dopo la fine dello stato d’emergenza una misura che non serve. Per i ritorno in comunità dopo la positività basta un tampone negativo“.

Bassetti: 7 giorni di quarantena roba da 1400

“Purtroppo nel mondo, malgrado ci sia la stessa pandemia, si va in ordine sparso nella gestione”. È il parere di Maria Rita Gismondo. “Sette giorni confermati in Italia sono un buon intervallo di tempo precauzionale. Ma se andiamo sul sito dei Cdc americani i giorni diventano 5. E se facciamo un giro sui siti dei ministeri della Salute dei vari Paesi europei, troviamo altri intervalli di tempo ancora”. In ogni caso – conclede la direttrice del laboratorio di microbiologia clinica del Sacco di Milano- ritengo che 7 giorni siano una giusta misura di compromesso. “Anche dopo l’entrata in vigore, il primo aprile, delle nuove regole anti-Covid successive alla fine dello stato d’emergenza – ha chiarito il Minsitero – sull’isolamento dei contagiati da Sars-CoV-2 varrà quanto previsto dalla circolare ministeriale del 4 febbraio. I positivi dovranno aspettare 7 giorni (10 se non vaccinati) prima di fare un tampone, test che dovrà essere negativo per poter porre fine alla quarantena”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *