Il sospetto dei contiani: “Di Maio sapeva già tutto del Tribunale di Napoli”. Grillo a Roma in serata

mercoledì 9 Febbraio 13:12 - di Angelica Orlandi
Di Maio Grillo

Il M5S è ormai il partito dei sospetti. I contiani contro Di Maio arrivano a pensarle tutte dopo la sospensione dell’elezione di Conte a leader del Movimento. Il silenzio del Ministro degli Esteri viene interpretato come un indizio molto sospetto. Nessun commento, nessun intervento. Difficile non abbia nulla da dire di fronte a un passaggio chiave e drammatico. I retroscenisti si scatenano.

M5s, i sospetti. I contiani accusano Di Maio: “Sapeva tutto?”

In questa storia c’è un prima e un dopo.  Prima della decisione del tribunale di Napoli e dopo la crisi provocata dalla partita del Quirinale, l’ex capo politico – secondo alcuni – avrebbe voluto o staccarsi dal Movimento: dando vita a una scissione, oppure sfiduciare il leader. “Per questo avrebbe bruciato i tempi dimettendosi dal comitato di garanzia”, scrive il Giorno in un retroscena.

Il silenzio di Di Maio giudicato sospetto

Con l’intervento dei giudici, però, qualcosa sembrerebbe essere cambiato. Tra i contiani – scrive il quotidiano rilanciato da Libero  – ci sarebbe addirittura chi pensa che Di Maio fosse al corrente dell’imminente decisione del tribunale di Napoli. Quando si dice che il silenzio è d’oro… Il ministro degli Esteri starebbe giocando una partita doppia, perché al tempo stesso, a fari spenti, stando a diverse indiscrezioni, starebbe lavorando per rilanciare la sua popolarità presso la base. Per farlo uno dei tasselli fondamentali è stato l’incontro con Virginia Raggi la settimana scorsa. L’ex sindaca della Capitale gode ancora di grande consenso presso la basa pentastellata.

Grillo atteso a Roma tra stasera e giovedì

Con un Di Maio intento alle sue strategie anti-Conte (dimenticando la questione Russa-Ucraina) , tutto congiura contro contro un Conte più “dimezzato” che mai. Che in questo momento, silenziato da Grillo e dopo avere declinato, appunto, l’invito di “Porta a Porta”, non può difendere le sue posizioni più di tanto. Dunque, l’unico a uscirne danneggiato, al momento, è l’ex premier, ancora tecnicamente in cerca di leadership, seppur temporaneamente. Il terzo attore fondamentale torna ad essere il  fondatore e garante Beppe Grillo, che si sta riprendendo un ruolo  determinante per tutto il gruppo sgangherato. Secondo il Giorno, è probabile che proprio su di lui conti Di Maio. Anche perché l’ex comico genovese non avrebbe mai avuto piena fiducia nell’ex premier.

“Beppe non ha ancora deciso”

E proprio lui, Beppe Grillo è atteso a Roma nelle prossime ore. Il garante del M5S potrebbe arrivare presto nella Capitale, per provare a risolvere l’impasse causato dall’ordinanza del Tribunale di Napoli che ha sospeso l’efficacia del nuovo statuto 5 Stelle; e, dunque,  l’elezione di Giuseppe Conte come leader del Movimento. “Beppe non ha ancora deciso se arrivare a Roma in serata o domani”: lo fanno sapere fonti di primo piano del Movimento. Fonti vicine a Grillo. Spiegano che “presto” ci sarà un “incontro”. Del resto lo stesso Grillo in un post sui social aveva annunciato l’ugenza di un confronto anche con Conte.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *