Stupri di Capodanno, resta in carcere Ibrahim. Meloni: violenze figlie dell’immigrazione illegale

venerdì 14 Gennaio 12:42 - di Francesco Severini
stupri Capodanno

Stupri di Capodanno, resta in carcere Mahmoud Ibrahim, il 18enne egiziano fermato a Milano per le violenze sessuali di gruppo avvenute in piazza Duomo. Lo ha deciso il gip Raffaella Mascarino che ha convalidato il fermo. Specificando che il 18enne potrebbe darsi alla fuga o inquinare le fonti di prova.

Ibrahim non ha un lavoro né una residenza stabili

Sussiste inoltre, secondo il giudice, il pericolo di reiterazione del reato per le violenze sessuali di gruppo messe in atto dal branco “con la consapevolezza di poter approfittare dei festeggiamenti per il Capodanno per garantirsi l’impunità”. Il giovane, in Italia da agosto del 2019 e in attesta del rinnovo del permesso di soggiorno, non ha un lavoro né una residenza stabile. 

Il gip: chiara adesione a progetto criminoso

Secondo il giudice ha agito con “una chiara e consapevole adesione al progetto criminoso” del gruppo che ha aggredito quattro ragazze vicino alla galleria, “con una carica di violenza così brutale che solo grazie all’intervento fortuito di alcuni soccorritori non è sfociato in conseguenze ulteriori e più gravi”.

La vittima: noi travolte da quell’orda, ho pensato di morire

“Siamo state travolte da quest’orda – è il racconto di una delle vittime che il giudice riporta nella sua ordinanzaVenivamo spinte da dietro, e sbattevamo contro quelli davanti che ci respingevano. Siamo così cascate, e mi sono ritrovata per terra, senza riuscire a rialzarmi e sentendomi soffocare, ho iniziato a pensare di morire. Ero atterrita dalla paura, mentre la mia amica strillava. Io non riuscivo, ero stravolta dalla situazione e mi mancava il fiato”.

“Ricordo trenta persone, che mi toccavano e mi spingevano”

“All’improvviso – racconta la 19enne milanese -, ho sentito questa folla di persone: specifico che intendo dire che ho iniziato a sentire molte mani che mi toccavano da dietro, sulle gambe e il sedere, e una poi in particolare tra le gambe, che mi toccava in modo ripetitivo. (…) Presto siamo state accerchiate, e ci siamo trovate attorniate da persone nordafricane. In particolare, mi sentivo toccare da quelli dietro di me, mentre altri, posizionati davanti a me, mi davano le spalle e urlavano”.

“Io e le mie amiche camminavamo in fila, ed io ero la prima. A quel punto sono stata toccata, in particolare da una persona nella zona genitale e questa persona mi ha strappato le calze. Quelli che mi toccavano il sedere erano più persone. Ricordo almeno 30 persone, che mi toccavano e mi spingevano“.

C’era un poliziotto all’ingresso della Galleria…

“Dando vari spintoni, ho chiuso gli occhi, come per difendermi, e, nonostante le spinte e un inciampo, sono riuscita a non cadere e a liberarmi dell’orda, probabilmente con la forza della disperazione. (…) Non riuscivo a vedere cosa stessero facendo alle mie amiche, perché le persone attorno a loro erano così tante, e le circondavano. Ho raggiunto allora un poliziotto, che si trovava all’ingresso della galleria, e questo mi ha prestato soccorso, aiutandomi a superare il varco, mettendomi in salvo”.

Giorgia Meloni contro Repubblica: basta con l’alibi delle periferie

Giorgia Meloni, commentando gli eventi di quella notte, polemizza con la lettura che fa Repubblica degli stupri di Capodanno. “No cara La Repubblica – scrive la leader di FdI su Fb – le violenze di capodanno a Milano non sono figlie dei “giovani di periferia” che la sinistra chic prova a demonizzare ad ogni occasione. Sono figlie dell’immigrazione illegale di massa e di un modello di integrazione fallito, perché imposto e non gestito, del dilagare del proselitismo islamista che crea l’humus nel quale prospera la violenza contro le donne. Violenze figlie di tutte le storture di cui i grandi media non parlano. Lasciate in pace le periferie e cominciate ad aprire gli occhi sulla realtà”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *