Paura per Mino Raiola, il procuratore di Ibra e dei big del calcio: ricoverato d’urgenza al San Raffaele

mercoledì 12 Gennaio 15:18 - di Marta Lima

Ore di paura per la sorte del procuratore sportivo Mino Raiola, ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano. A quanto si apprende, è stato sottoposto a un intervento chirurgico nell’Irccs milanese. Le sue condizioni sarebbero gravi ma non si sa, al momento, se sia in pericolo di vita o se la prognosi sia stata già sciolta.

La notizia del ricovero di Raiola è stata lanciata da tutti i siti internazionali di calcio, e di news, più in generale, considerato il “peso specifico” dell’agente, di origini campani. Mino Raiola, cresciuto in Olanda da una famiglia di emigranti,  ad Haarlem, conseguì la maturità classica e poi si iscrisse a Giurisprudenza senza mai laurearsi.

La storia di Mino Raiola e di Ibrahomovic

Nel tempo libero aiutava il padre nel ristorante di famiglia. Non faceva il pizzaiolo, ma bensì il cameriere prima di entrare in amicizia con i calciatori dell’Ajax, tra cui il futuro campione Slatan Ibrahimovic. Tra i suoi assistiti ci sono tante stelle del calcio mondiale, tra questi,oltre a Ibrahimovic, anche Haaland, Donnarumma, Pogba, Verratti e De Ligt

Raiola, milionario, parla sette lingue: italiano, inglese, tedesco, spagnolo, francese, portoghese e olandese. Nel 2020 Forbes lo aveva inserito al quarto posto al mondo tra i procuratori con un fatturato da 84,7 milioni di dollari avendo chiuso affari per 847,7 milioni di dollari.

Nella sua biografia, Ibra lo aveva definito “il meraviglioso ciccione idiota”. Una delle sue frasi più celebri, fu però sulla politica, non sul calcio: In Italia dovrei fare il procuratore dei politici, con quelli che passano da destra a sinistra ci farei i miliardi”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *