Estremo saluto a Sassoli, il cardinale Zuppi: “Era il compagno di classe che tutti avremmo voluto”

venerdì 14 Gennaio 13:44 - di Redazione
Funerali Sassoli

Folla commossa a Santa Maria degli Angeli, in piazza della Repubblica a Roma, per l’ultimo saluto a David Sassoli, il presidente del Parlamento europeo morto a 65 anni. Presenti  le più alte cariche dello Stato e i presidenti della Commissione e del Consiglio Ue von der Leyen e Michel. Con una bandiera europea posata sopra, il feretro di David Sassoli è stato accompagnato da sei carabinieri in alta uniforme all’interno della basilica. A Sassoli sono stati tributati gli onori militari con tre squilli di tromba.

Sassoli, funerali a Santa Maria degli Angeli. La delegazione di FdI

Alla cerimonia erano presenti  il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio Mario Draghi. Entrato nella basilica, Draghi ha stretto la mano al premier spagnolo Pedro Sanchez, giunto poco prima di lui; e poi ha salutato i vertici delle istituzioni europee:  la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e il presidente del Consiglio Ue Charles Michel.  Fratelli d’Italia partecipa  con una delegazione composta dal copresidente del gruppo Ecr-Fdi al Parlamento europeo, Raffaele Fitto, dal deputato e vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli e dalla vicepresidente del gruppo di Fdi in Senato Isabella Rauti.  All’esterno della basilica è radunata una folla di giornalisti, operatori tv e fotografi. Allestito un maxischermo su cui è  trasmessa in diretta la cerimonia, celebrata officiata dall’arcivescovo di Bologna Cardinale Matteo Zuppi, suo fraterno amico.

Funerali di Stato per Davide Sassoli, commossa omelia del cardinale Zuppi

“Tanti lo consideravano uno di noi per quell’aria empatica, un po’ per tutti era un compagno di classe: quello che tutti avremmo desiderato, che sicuramente ci avrebbe aiutato”. Così il cardinale e arcivescovo di Bologno, amico sin dai tempi del liceo di Sassoli al Virgilio di Roma,  ha ricordato commosso lo scomparso presidente del Parlamento europeo. “Sceglievi parole pacate e calibrate, le scagliavi come un arciere nel nostro cuore: parole che hanno modellato il nostro Paese e l’Europa, parole che profumano di fraternità”. Padre Francesco Occhetta, gesuita e politologo, ha ricordato che Sassoli aveva “la forza per camminare se tare dalla parte del bene e dei deboli. Lo sapevi e lo dicevi, il miracolo dell’eucarestia è che più cresce condivisione e più diminuiscono pace e povertà – ha aggiunto -. Sempre spinto a fare un passo in più. Il popolo ti ha riconosciuto come un presidente mite e prossimo”.

La moglie Alessandra

“‘Ho avuto una vita bella, decisamente molto bella. E finirla a 65 anni è davvero troppo presto’. Questo mi dicevi solo due settimane fa, quando avevi capito già tutto, mentre noi giocavamo a nasconderci la realtà, sperando l’impossibile. Troppo presto davvero”. E’ un passaggio del ricordo che Alessandra Vittorini dedica al marito scomparso, David Sassoli, presidente del Parlamento Europeo, durante i funerali di Stato nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, a Roma. “Famiglia e politica – ha detto ancora – famiglia e passione, altri luoghi e altri impegni, in cui hai costruito con tenacia il tuo modo di essere, il tuo modo di fare e i tuoi valori. Noi siamo stati il tuo punto fermo, ma dividerti e condividerti con altri ha prodotto quella cosa immensa cui stiamo assistendo in queste ore, nel coro unanime di riconoscimenti, nelle file di persone che vogliono salutarti, nei fiori e nei biglietti che abbiamo trovato l’altroieri al nostro ritorno, attaccati al portone in strada”.

Gli scout come chirichetti

Anche alcuni scout partecipano al funerale del presidente del Parlamento Europeo. I ragazzi fanno da chierichetti in omaggio all’antica militanza scoutistica di Sassoli, che era stato nell’Agesci. Foto pubblicate da Tuscia Web ritraggono un giovanissimo Sassoli capo scout a Cura di Vetralla, nel Viterbese, alla metà degli anni Settanta. L’Agesci ha ricordato Sassoli con un lungo post su Facebook, dedicato al “fratello scout” scomparso. “Tutta l’Agesci – scrive oggi l’associazione via social – si stringe in un caloroso ultimo saluto a David Sassoli, Presidente del Parlamento Europeo, ma per noi prima di tutto fratello scout. Al gruppo Roma 41 è affidato il servizio liturgico, ed è presente Roberta Vincini a nome della Fis”, Federazione Italiana dello Scautismo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *