Dramma all’Aquila, mamma positiva al Covid partorisce ma il bimbo muore: sei medici indagati

martedì 4 Gennaio 18:38 - di Prisca Righetti
mamma positiva bimbo muore

Una mamma positiva al Covid partorisce, ma il bimbo muore: la Procura indaga sei medici. Mentre il dolore più grande che ha sconvolto la famiglia al centro del dramma, all’Aquila, squarcia il silenzio e funesta irrimediabilmente quello che per due genitori sarebbe dovuto essere un momento di gioia incommensurabile: la nascita di un figlio. È quanto accaduto nella sala parto di un ospedale dell’Aquila dove una giovane coppia si è ritrovata letteralmente catapultata dalla felicità per l’arrivo di quella nuova vita attesa da nove mesi, alla disperazione più profonda. Dall’ottimismo dei preparativi per accogliere al massimo l’arrivo di un figlio, allo sconcerto più terrificante.

L’Aquila, mamma positiva al Covid partorisce, ma il bimbo muore

Eppure alla mamma era stato assicurato, fino all’ultimo, che il nascituro stava bene. E che non ci sarebbero stati problemi per il piccolo, nonostante lei avesse contratto il coronavirus. Invece, subito dopo il parto, mentre aspettava di poter stringere tra le braccia quel figlioletto appena venuto alla luce, le è stato comunicato che il bimbo era morto. La Procura dell’Aquila ora vuole vederci chiaro e ha aperto un’inchiesta. Perché la giovane coppia vittima della vicenda deve avere delle risposte. Ha diritto di sapere cosa ha motivato l’esito tragico dopo il parto. Quello che si sa, finora, è che il bambino è nato lo scorso 31 dicembre. Ma nient’altro al momento: nemmeno se il piccolo è venuto alla luce già morto. Oppure se il quadro clinico è improvvisamente precipitato, e per quale motivo. I sanitari hanno tentato inutilmente di rianimarlo. Di più non è dato sapere per ora…

La Procura indaga sei medici che a vario titolo si sono occupati della paziente

Pertanto, i due genitori hanno denunciato l’accaduto alla magistratura. E il sostituto procuratore Roberta D’Avolio ha disposto il sequestro della cartella clinica di mamma e bimbo. E ha iscritto nel registro degli indagati sei medici, che a vario titolo si sono occupati della paziente. Degente che è stata ricoverata nel reparto di Ostetricia nell’ospedale dell’Aquila, settore Covid. Da dove pensava. Si aspettava. Sperava, di poter uscire con il suo piccolo in braccio. E dove, invece, ha vissuto una delle esperienze più drammatiche e dolorose che si possano affrontare in una vita intera…

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *