Vaccino ai bambini, Sileri: 65 su 10.000 rischiano l’ospedale e purtroppo 1 muore. Io non avrei dubbi

giovedì 16 Dicembre 13:10 - di Redazione
Sileri

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri non ha dubbi. E nel tentativo di abiurare i dubbi e rassicurare i genitori sulle perplessità persistenti in merito al vaccino ai bambini, rilancia: l’immunizzazione anti-Covid per la popolazione pediatrica «è un’opportunità. L’aspetto più importante è la protezione del bambino o della bambina che si vaccina. Sappiamo che ogni 10.000 bambini contagiati, 65 vanno in ospedale. E purtroppo uno di loro muore. Io non ci penserei due volte a vaccinare mio figlio, sapendo che c’è una possibilità su 10.000 che possa morire di Covid».

Sileri sul vaccino ai bambini: «È un’opportunità di protezione»

Una indicazione che il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri affida ai microfoni de L’Italia s’è desta su Radio Cusano Campus. Nell’ambito della quale aggiunge anche: «Dall’altra parte tu hai il vaccino il cui rischio è estremamente più basso. Oltre alla morte e alla guarigione – ha ricordato il numero due del Ministero della Salute – in mezzo c’è il “Long Covid”. Che secondo alcuni studi può riguardare il 10-12% dei bambini. A maggior ragione adesso che sta arrivando una variante che è molto più diffusiva, non si sa se più pericolosa o meno. Ma aspettare – sottolinea Sileri – non è una buona strategia. Abbiamo una quarta ondata in corso, che verrà rinforzata dalla variante Omicron e i casi aumenteranno di molto». Ad ogni modo, ha chiarito Sileri, «il vaccino non è obbligatorio per questa fascia d’età. Così come non sarà obbligatorio il Green pass».

«Il tampone per chi arriva da fuori è una garanzia. Il vero dittatore è il virus»

Non solo. «Il tampone in entrata per chi arriva in Italia dagli altri Paesi Ue è una garanzia», rilancia Sileri. «Dunque è giusto averlo messo. Si parla tanto di dittatura sanitaria, ma il vero dittatore è il virus. Ognuno fa le sue strategie. Bisogna copiare quelle migliori. Una delle strategie migliori negli ultimi 4 mesi è quella dell’Italia: e gli altri Paesi ci stanno copiando. La Gran Bretagna ora è invasa dalla variante Omicron. Ciò che accadrà lì sarà per noi una lezione per attuare altre misure contro il virus». E infine: «L’Italia – ha ricordato Sileri – ha una situazione migliore rispetto a quella di altri Paesi d’Europa. I casi salgono e continueranno a salire, la variante Omicron si diffonderà, pensare di poterla bloccare è impossibile. Il nostro compito – ha chiarito e concluso il sottosegretario – è cercare di rallentarne il più possibile la diffusione del nostro Paese. Certo, questa variante purtroppo coincide con le festività. Proprio come, purtroppo, anche quella dell’anno scorso»…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *