Sondaggio, gli italiani sognano il centrodestra: Fdi, Lega e FI sfiorano il 50%. Giallorossi in affanno

giovedì 9 Dicembre 18:36 - di Bianca Conte
centrodestra

Anche l’ultimo sondaggio acclara un verdetto che svela sogni e incubi degli italiani. Certo, le forze e gli equilibri interni tra i partiti che compongono la formazione “multicolor” del governo cambiano all’ordine del giorno. Ma nel panorama nazionale lo schieramento a cui guardano gli elettori è uno e uno solo: in questo momento più che mai. Anzi, sarebbe meglio dire, nell’ultima settimana soprattutto. E infatti, stando all’ultima Supermedia Agi/Youtrend il dato è netto e chiaro: nei 14 giorni appena trascorsi, la coalizione di centrodestra formata da Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia è cresciuta significativamente. A fronte della progressiva emorragia di consensi in cui sembrano annaspare ultimamente gli esponenti del fronte giallorosso. E così, se la matematica non è un’opinione (ma i numeri dei sondaggi aiutano, e non poco, a farsi un’idea della situazione). E rispettosi dell’attendibilità matematica dei calcoli percentuali, andiamo a vedere il trend dei vari partiti secondo le ultime indicazioni sondaggistiche.

Sondaggio, Supermedia Agi/Youtrend dà la coalizione di centrodestra vincente

Secondo l’ultima Supermedia Agi/Youtrend di questa settimana al primo posto resta il Partito democratico, che racimola lo 0,4% e si porta al 20,7%. A un passo dai dem c’è Fratelli d’Italia a guida Giorgia Meloni, che proseguendo nel suo andamento in costante crescita, incrementa i propri numeri dello 0,5% forte del 20% dei consensi. Trend positivo pure per la Lega di Matteo Salvini, che grazie a un rialzo pari allo 0,3% può vantare il 18,7%. Mentre gli azzurri di Forza Italia, che godono a pieno del ritorno in campo da protagonista del leader Silvio Berlusconi, salgono dello 0,4 e si portano al 7,7 delle preferenze degli italiani. Continua a perdere posizioni invece il M5S capitanato da Conte che arretra ulteriormente con un -0,4% al 15,4%.

Stando ai numeri del sondaggio, tira decisamente una brutta aria per l’alleanza giallorossa

Fanalini di coda, infine, sia Azione di Carlo Calenda (che accusa un calo dello 0,5% e deve accontentarsi del 3,3%). Sia Italia Viva di Matteo Renzi (stabile al 2,6%). Tutti lievemente in calo anche i satelliti di sinistra, dove le formazioni più piccole di Sinistra Italiana (2,1%, -0,1%), Verdi (2%, -0,1%), Art.1-MDP (1,7%, -0,4%) presentano il segno meno davanti alle sigle di partito, tranne +Europa che vede invariata la sua posizione con l’1,7% dei consensi.

Il centrodestra è la prima coalizione del Paese: FI, Lega e FdI a un passo dalla soglia del 50%

Dunque, alla luce dei numeri snocciolati dagli ultimi sondaggi, il risultato sotto gli occhi di tutti descrive uno scenario netto e inequivocabile: il centrodestra è e rimane la prima coalizione del Paese. Infatti, sempre in base ai calcoli enucleati dall’ultima indagine di Supermedia Agi/Youtrend di questa settimana ottiene il 48,3% delle preferenze. Portando la storica alleanza tra FI, Lega e FdI a un passo dalla soglia del 50%. A distanza le forze di centrosinistra che, riunendo Partito democratico, Movimento 5 Stelle e Liberi e uguali non arrivano a raggiungere il 40%.

E il miraggio di un nuovo Ulivo di Letta si allontana sempre di più…

Numeri che, come anticipato in apertura, stilano un verdetto chiaro: un centrodestra unito che punta alla vittoria e a guidare il Paese. A fronte di una coalizione giallorossa sfrangiata e depauperata di consensi che non raggiunge i numeri per governare. Con buona pace di Enrico Letta e del miraggio di un nuovo Ulivo, che l’inquilino del Nazareno sogna in grado di condensare gli aneliti progressisti. E di riunire le forze di progressiste ad ampio raggio, tanto da far convogliare all’ombra di un ramoscello di pace gli ami-nemici dei 5S e di IV, passando per Azione. Un progetto che sembra allontanarsi ogni giorno. E sfumare a ogni nuovo sondaggio, sempre di più.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *