Ricciardi evoca l’incubo Dad: problemi a gennaio. Le scuole sono praterie sconfinate per Omicron

giovedì 16 Dicembre 13:43 - di Redazione
variante Omicron e Dad

Variante Omicron e Dad: un binomio drammatico che purtroppo rischia di andare a braccetto nell’immediato futuro. Almeno stando a quanto evocato da Walter Ricciardi che, a riguardo. E in particolare in riferimento al mondo scolastico, ha dichiarato: «A gennaio avremo problemi. Le scuole sono praterie sconfinate per l’ultima mutazione del virus». Aggiungendo, a corredo della sua inquietante previsione che, in particolare, a sua detta l’inizio dell’anno sarà «un periodo particolarmente problematico».

Ricciardi evoca lo spettro della Dad

Dunque, stando a quanto preconizzato dal consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza per l’emergenza Covid. Una previsione formulata nello studio del talk di Raitre, Agorà, «nelle scuole la variante Omicron trova una prateria sconfinata». Un timore che Ricciardi assevera quasi come una certezza. E che gli fa sospettare un inizio di 2022 complesso per il Belpaese, stante la diffusione del nuovo mutante. «A dicembre – ha sostenuto infatti l’esperto ad Agorà su Rai 3 – vedremo ancora una aumento incrementale dei contagi. Poi a gennaio la crescita di Omicron si sommerà con tutti gli incontri e gli assembramenti che si verificheranno durante il Natale».

«La vaccinazione va combinata con misure comportamentali»

«Il vaccino con la terza dose protegge, ma c’è una percentuale di soggetti che si infetta nonostante il vaccino – ha puntualizzato l’esperto –. La vaccinazione quindi va combinata con misure comportamentali. È l’unica possibilità di resistere in questa fase pandemica. Il consiglio di usare la mascherina vale sempre. Anzi, negli ambienti chiusi è un presidio irrinunciabile. All’aperto, i sindaci possono prevedere l’obbligo nei luoghi dove possono crearsi assembramenti», afferma inoltre Ricciardi, appellandosi al buon senso e riproponendo alcune delle misure basilari individuate in funzione anti-contagio.

Variante Omicron, Dad, scuole e bambini: la speranza è che l’incubo non si concretizzi

Nel frattempo, comunque, su variante Omicron e dad, scuola e piazze all’aperto, anche in Italia è partita la vaccinazione pediatrica per i bambini compresi nella fascia d’età 5-11 anni. Rispetto alla quale Ricciardi ha commentato: «Non abbiamo mai visto un virus diffondersi con questa rapidità. Omicron raddoppia i contagi ogni 2 giorni. Noi stiamo cominciando a vaccinare ora i bambini delle scuole, dove l’ultima mutazione del virus – ribadisce in conclusione il consigliere di Speranza per l’emergenza Covid – trova il terreno ideale». E l’incubo della Dad è evocato fino alla fine. Speriamo solo non diventi realtà.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *