Variante sudafricana, Speranza blocca i voli da sette Paesi. Meloni: «E l’immigrazione illegale?»

venerdì 26 Novembre 14:13 - di Federica Parbuoni
variante sudafricana

Nel clima di allarme plantario generato dalla nuova variante sudafricana del Covid, anche l’Italia ha bloccato i voli da diversi Paesi africani. A darne l’annuncio è stato il ministro della Salute, Roberto Speranza, spiegando di aver bloccato, come già fatto da altri governi, i voli dai territori a rischio. Resta però l’incognita migranti, rispetto alla quale sia Giorgia Meloni sia Matteo Salvini hanno sollevato il problema.

Per la variante sudafricana Speranza blocca i voli da 7 Paesi

«Ho firmato una nuova ordinanza che vieta l’ingresso in Italia a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini», ha annunciato Speranza con una nota e rilanciando la notizia anche su Twitter. «I nostri scienziati  sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529», riferendosi alla variante identificata in Sudafrica. «Nel frattempo – ha aggiunto – seguiamo la strada della massima precauzione».

Meloni: «Quindi fermate anche l’immigrazione illegale?»

«Scusa, quindi nel dubbio fermerete anche l’immigrazione illegale, atteso che non potete sapere se chi si imbarca in Libia o in Tunisia è passato da quelle nazioni… vero?», ha replicato Meloni a Speranza direttamente su Twitter. «Domanda più che lecita, non credete», ha scritto a sua volta sui social Ignazio La Russa, rilanciando il post della presidente di FdI. Il tema del rischio contagio connesso agli sbarchi è stato affrontato anche da Matteo Salvini, che però ha chiamato in causa il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, rispetto all’assegnazione di Augusta come porto sicuro alla Sea Watch con a bordo 461 migranti. «Ma come, ministro Lamorgese, c’è l’allarme varianti, ma per questi 461 nessun problema?», ha chiesto il leader della Lega.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *