Sci, dal Green Pass alla mascherina: le nuove regole per la neve. L’Austria vieta le piste ai non vaccinati

sabato 6 Novembre 19:56 - di Filomena Auer
sci

Sci: dal Green Pass alla mascherina obbligatoria, passando per file e code da gestire in modo da ovviare agli assembramenti, ecco le nuove regole per la neve. Intanto, si apprende che in Austria le piste sono vietate ai non vaccinati… Dunque, con la stagione invernale al via, scattano le nuove regole per gli sciatori. A partire dal Green Pass. Le restrizioni fanno riferimento alle norme anti-Covid genericamente in uso e declinate alla settimana bianca. E allora, per vivere la montagna in sicurezza, ecco il decalogo utile a evitare assembramenti e code agli impianti di risalita. E per tenersi al riparo dal contagio in seggiovie e ovovie. Italia, Austria e Francia corrono ai ripari per evitare rischi e multe: vediamo come.

Sci, stagione al via domani sulle Dolomiti: ecco le nuove regole da seguire

Dunque, quella al via ufficialmente domani, domenica 7 novembre, quando sulle Dolomiti apriranno gli impianti, sarà la «stagione della rinascita». O così ci si aspetta almeno a Cortina d’Ampezzo: per l’esattezza nella zona di Col Gallina, zona Passo Falzarego. Ma tutto è ormai ai blocchi di ri-partenza anche per l’inaugurazione degli altri impianti della valle ampezzana: prevista per il 27 novembre. Dove, riferisce tra gli altri il Messaggero in queste ore, domani le piste apriranno i cancelli alla prima ondata di appassionati di sci e sport invernali. Lì, nel rispetto delle norme anti-Covid, gli sciatori saranno tenuti a indossare la mascherina fino all’accesso ai seggiolini. Ma, come spiega il quotidiano capitolino, «essendo quella del Col Gallina una seggiovia senza cupola paravento, in base al decreto bis sul Green pass non vi sarà l’obbligo di presentare il certificato verde». Documento necessario, invece, per le cabinovie e le seggiovie dotate di cupola.

Sci, “Ticket unico” in Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia

La stagione in Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia si inaugurerà invece non prima del 5 dicembre. Ma nel caso di queste due regioni si adotterà il cosiddetto “ticket unico”. Ossia: basterà avvalersi di un unico biglietto per poter sciare in tutti i comprensori della regione. Insomma, non sarà necessario selezionare una singola località: gli sciatori più incalliti e impazienti potranno spaziare liberamente tra i diversi impianti aperti e disponibili. Una novità significativa, quella del ticket unico, a cui segue quella dell’introduzione del Green Pass che, riferisce sempre il quotidiano capitolino, che garantirà di «poter utilizzare gli impianti di risalita, che avranno capienza variabile: si va dall’80 al 100%, in base alla loro tipologia».

Madonna di Campiglio e Dolomiti del Brenta

Un’ultima novità introdotta quest’anno, infine, riguarda Madonna di Campiglio, in particolare, e tutta la Skiarea sciabile più grande del Trentino nel cuore delle Dolomiti di Brenta. Oltre 150 km di piste collegate con un unico skipass: che si pagherà solo quando si usa. Non solo. Contattando siti e app appositi, si scopre  l’opportunità di richiedere il cosiddetto “Starpass”: che permette a chi più scia di pagare meno.

Sci, le misure di sicurezza attivate in Austria

Diverse le cose in Austria e Francia. Da Vienna, dove il governo locale ha deciso di adottare il lockdown per i non vaccinati, la scure del divieto cala anche per gli sciatori. Qui la stagione sciistica è già cominciata: a partire dall’Alto Tirolo, e fino a tutta l’aria dedicata che comprende Sölden, Hintertux, Pitztal e Kaunertal. Ma accessibili solo ai vaccinati. Su precise disposizioni, infatti, chi non è immunizzato non potrà accedere alle piste e agli impianti di risalita, neppure in veste di visitatore.

Francia, mascherina nelle code per gli skilift, Green Pass per gli impianti se salgono i contagi

-Anche la Francia ha deciso i protocolli per la ripresa della stagione sciistica in tempo di Covid-19. E allora: la mascherina sarà obbligatoria nelle file per gli impianti di risalita, dove sarà imposto il distanziamento, e all’interno delle telecabine. Il Green Pass per accedere agli impianti sarà imposto soltanto se il tasso d’incidenza dei contagi di Covid supererà i 200 casi ogni 100.000 abitanti su scala nazionale. Misure che oggi il premier Jean Castex ha annunciato, durante una vista in Alta Savoia. Vogliamo garantire così una «degna stagione sciistica», dopo il difficile inverno 2020-21 in cui gli impianti sono rimasti chiusi, ha affermato Castex.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *