Salvini non mangia la pizza con Giorgetti; la prima contromossa è il lancio di volti nuovi

domenica 7 Novembre 12:46 - di Giorgia Castelli
Salvini

Salvini liquida con una battuta il caso della pizza tra il suo vice Giancarlo Giorgetti e Luigi Di Maio. «Io, la pizza la mangio con la fidanzata». In realtà, come racconta il Corriere della Sera, Salvini non ha voglia di parlare («Per me le polemiche sono una fastidiosa perdita di tempo. Il confronto è bello, la polemica no»). E pare non interessato a parlare neanche dell’intervista di Giorgetti a Bruno Vespa che da giorni tiene banco. È stato lo stesso Vespa, racconta il quotidiano milanese,  ieri alla scuola di formazione politica della Lega di Armando Siri per intervistare i ministri del partito, a mettere un punto alla questione: «È noto che Giorgetti ha una linea più favorevole al Ppe, forse il fatto di averlo scritto ha fatto un po’ di rumore. La novità non c’è. Devo dire che Giorgetti ha sempre detto: la Lega è una e il capo è Salvini. Punto e basta».

Salvini sul Ppe

E sul Ppe? Il leader della Lega, peraltro, taglia corto. «Se c’è un centrodestra asservito alla sinistra, il mio compito è portare l’alleanza a tornare a essere orgogliosamente centrodestra, conservatore, liberale rivoluzionario e costruttivo, in Italia e in Europa».

Le mosse di Salvini

Salvini più che alle polemiche comunque sembra più interessato a lanciare un nuovo corso e nuovi volti. A svelare le mosse del segretario della Lega è Repubblica che cita i nomi del nuovo deal. «Matteo Salvini, incassato il sostegno dei dirigenti, ha comunque deciso di cambiare qualcosa nella linea del partito: e, in attesa dell’assemblea di metà dicembre a Roma che definirà meglio i contenuti, comincia dalla comunicazione». Si va da Isabella Tovaglieri, 34 anni, eurodeputata di Busto Arsizio, leghista di terza generazione: suo nonno Giancarlo, che fu sindaco dc della cittadina del Varesotto, fu uno dei primi collaboratori di Umberto Bossi. L’ultima erede della famiglia si è trovata, scrive il quotidiano, nell’ultima settimana, a produrre ben due videomessaggi per il Tg1 e il Tg2. L’ultimo a favore del bonus per i genitori separati, campagna salviniana.

La nuova strategia: puntare sui volti nuovi

Quindi la nuova strategia sembra puntare sui giovani. Altro nome, citato sempre da Repubblica, Rebecca Frassini, 32 anni, in Parlamento dal 2018, originaria di San Paolo d’Argon, Comune in provincia di Bergamo che è guidato dal papà Graziano. E poi ancora: Salvini sarebbe pronto a lasciar spazio sui media ad Alberto Stefani, 29 anni, sindaco di Borgoricco, provincia di Padova, uno dei più giovani primi cittadini d’Italia che è pure deputato e commissario della Lega in Veneto. Infine , tra i volti nuovi c’è anche Luca Toccalini, che ha 31 anni ed è il segretario nazionale della Lega giovani, ruolo che gli è stato lasciato da Andrea Crippa, oggi vice di Salvini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *