Assalto al Congresso Usa, condanna esemplare per lo “sciamano”: dovrà scontare 41 mesi di carcere

mercoledì 17 Novembre 19:37 - di Fortunata Cerri
sciamano

Jacob Chansley, lo “sciamano QAnon” diventato il volto e il simbolo dell’assalto al Congresso del 6 gennaio da parte dei sostenitori di Donald Trump, ha ricevuto una condanna ad oltre tre anni di prigione. Il giudice distrettuale, Royce Lamberth, ha infatti annunciato la pena di 41 mesi di prigione per Chansley, che prima di aderire alla setta complottista ha tentato una carriera d’attore con lo pseudonimo Jake Angeli. Le sue immagini al Congresso vestito con pelliccia, copricapo con le corna, volto dipinto a stelle e strisce e una bandiera americana in mano, avevano fatto il giro del mondo.

I procuratori federali chiedevano una sentenza esemplare

Considerando che l’imputato non era accusato di aggressione, si tratta di una sentenza esemplare anche se ma inferiore ai 51 mesi che erano stati chiesti dai procuratori federali. L’accusa voleva una sentenza dura proprio per la fama ottenuta dall’uomo che ha assaltato i simboli della democrazia americana con il volto truccato ed in testa un copricapo da vichingo.

«Le ormai famose azioni criminali dell’imputato l’hanno reso il volto pubblico della rivolta a Capitol Hill – hanno detto – l’imputato era nel gruppo dei primi trenta rivoltosi che sono entrati nel Congresso, pattugliandone i corridoi, aizzando gli altri rivoltosi gridando oscenità su deputati e senatori e parlando di “opportunità” di liberarsi del governo».

Assalto al Congresso Usa, la condanna più dura

La condanna a 41 mesi è, per ora, la più alta per gli autori della rivolta. La prima condanna a 41 mesi era, infatti, arrivata il 10 novembre: Scott Fairlamb, proprietario di una palestra in New Jersey ed ex combattente di arti marziali miste, si è visto infliggere anche lui 41 mesi di prigione per aver aggredito un agente, nonostante la sua ammissione di colpevolezza e il suo dichiarato rimorso. Inoltre, Fairlamb, che fu tra i primi a penetrare nel Senato, dovrà scontare anche 36 mesi di libertà vigilata dopo la scarcerazione.

Condannata anche una donna

Gli imputati per l’assalto a Capitol Hill sono 500 e a una donna dell’Indiana, Anna Morgan Lloyd, 49 anni, a giugno, era stato ordinato da un giudice federale di scontare tre anni di libertà vigilata, svolgere 120 ore di servizio alla comunità e pagare 500 dolori di risarcimento dopo aver ammesso le violenze in Campidoglio. La donna si era scusata con la Corte, il popolo americano e la sua famiglia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *