Serial killer di bambini evade dal carcere: il “vampiro del Kenya” riconosciuto e linciato dalla folla

sabato 16 Ottobre 9:38 - di Laura Ferrari
vampiro Kenya

La caccia al vampiro è finita ieri. Come ha dichiarato in una nota la polizia del Kenya, “gli abitanti del villaggio hanno applicato la legge della giungla”. Masten Wanjala, 20 anni, serial killer soprannominato il “vampiro” per aver ucciso almeno dieci bambini e averne succhiato il sangue, da mercoledì era diventato il ricercato più famoso del mondo. Fino alla cattura e alla morte, avvenuta venerdì.

Il “vampiro” era evaso la notte del 12 ottobre dalla prigione di Nairobi in cui era rinchiuso. In queste ore, come riporta la Bbc, è stato rintracciato dagli abitanti del villaggio in una casa nella città di Bungoma e linciato.

Le autorità avevano lanciato una massiccia caccia all’uomo per il fuggitivo che ha ammesso di aver ucciso almeno dieci ragazzini durante un periodo di cinque anni. L’uomo aveva anche confessato di averli drogati e in alcuni casi di aver bevuto il loro sangue.

Era evaso mercoledì da una prigione di massima sicurezza

Il serial killer era tornato a casa dei suoi genitori – che lo avevano rinnegato – e successivamente è stato strangolato dai vicini che hanno scoperto che era lì, ha detto un testimone oculare al quotidiano Standard del Kenya.

Secondo l’agenzia di stampa Reuters, sarebbero ancora in corso le verifiche per assicurarsi che il defunto sia davvero Wanjala,  «Non sappiamo come sia riuscito a viaggiare da Nairobi alla sua casa rurale», ha detto Musyoki Mutungi, capo della polizia locale. «Sono stati gli abitanti del villaggio che per primi lo hanno identificato e sono intervenuti per ucciderlo ancora prima che la polizia potesse essere informata». La polizia keniana ha dichiarato in una dichiarazione che stavano tentando di rintracciare Wanjala e consegnarlo alla giustizia, ma, venerdì, «è stato avvistato dagli abitanti del villaggio di Bungoma e picchiato a morte prima che i nostri agenti lo arrestassero di nuovo. Gli abitanti del villaggio hanno applicato la legge della giungla».

Il vampiro di bambini aveva terrorizzato il Kenya per 4 anni

Wanjala ha ucciso la sua prima vittima quando aveva solo 16 anni, uccidendo una bambina di 12 anni. Il vampiro del Kenya fingeva di essere un allenatore di calcio per attirare le sue vittime in aree appartate, dopo di che le assaliva, drogandole e succhiando loro il sangue. In alcuni casi aveva anche preso i bambini come ostaggi per ottenere un riscatto. Tutti gli omicidi erano avvenuti a Nairobi e nelle aree del Kenya orientale e occidentale.

Tre agenti di polizia che erano in servizio quando il “vampiro” è evaso sono stati accusati di aver aiutato la fuga del sospetto e di negligenza. La polizia riferisce di aver notato che era scomparso durante l’appello mattutino. Non c’erano segni di effrazione nella cella della prigione. Dopo l’evasione del serial killer più temuto del Kenya, sono pressanti le richieste per le dimissioni del capo della polizia del Kenya per la fuga.

In una serie di tweet, la Direzione delle indagini penali del Kenya ha espresso rammarico per il fatto che Wanjala non abbia dovuto affrontare la giustizia. Su Twitter l’amara constatazione delle autorità keniana. “La legge della giungla applicata dalla furia degli abitanti del villaggio ha prevalso”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *