Salvatore Buzzi apre una panineria e nel menu tornano la Banda della Magliana e il Mondo di Mezzo

mercoledì 6 Ottobre 19:39 - di Redazione
Buzzi

“In questo locale pagano tutti: amici, parenti e conoscenti, i pubblici ministeri pagano doppio e i giudici triplo. Hanno diritto allo sconto gli ex soci e i dipendenti del gruppo 29 giugno”. Le premesse sono già golose, il menù pure, tra Mix Buzzi’s burger, panini speciali Gomorra, Suburra, Samurai, Mondo di Mezzo e Agro Pontino o l’hot dog Er Terribile. Apre domani, in via di Tor Vergata, il Buzzi’s Burger.

Buzzi si dà alla ristorazione a Tor Vergata

L’imprenditore-imputato di Mafia Capitale (Buzzi ha annunciato ricorso in Cassazione dopo la rideterminazione della pena in appello) si dà dunque alla ristorazione. Salvatore Buzzi si prepara all’inaugurazione del suo pub (quattro vetrine a pochi passi da Ikea) preso in gestione dopo le accuse, le condanne, il carcere e i titoli in prima pagina. Nel menù fioccano anche i riferimenti ai personaggi della malavita romana e della Banda della Magliana abbinati a vari tipi di panini da 100, 250, 500 grammi: c’è il panino “Libanese”, dal soprannome del vecchio capo della Magliana Franco Giuseppucci, al “Freddo” alias cinematografico dell’altro capo Maurizio Abbatino, e poi il “dandy”, “er Bufalo”. C’è perfino “Er Secco” Vegano o le insalate di “Genny” e “Scrocchiazzeppi”.

Buzzi “gioca” con il personaggio che i media hanno costruito

Un’idea ingegnosa: fare del proprio personaggio un marchio, un affare, una questione di marketing alimentare. Avete fatto di me un mostro? E io mi vendo il personaggio, anzi i personaggi che la narrazione mediatica mi ha costruito attorno. Una scelta che non mancherà di creare polemiche.

Ha firmato i sei referendum sulla giustizia

L’ultima volta che le cronache si sono occupate di Salvatore Buzzi lo hanno fatto per riportare la notizia della sua firma al gazebo del Riformista ai referendum sulla giustizia. Era metà settembre. “Ho firmato tutti e sei i quesiti – dichiarò all’AdnKronos – perché corrispondono a quello che trovo giusto: la separazione delle carriere tra giudici e pm, norme contro l’uso abnorme della carcerazione preventiva, e la responsabilità civile dei magistrati. Spero che questo referendum porti a dei risultati concreti, che ci sia un cambiamenti reale. La separazione delle carriere dei magistrati sarebbe un risultato straordinario”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *