Paura a Firenze, s’improvvisa cecchino e da casa spara piombini ad aria compressa sui passanti

martedì 5 Ottobre 19:00 - di Martino Della Costa
cecchino

Un 20enne s’improvvisa cecchino e dalla finestra di casa, spara piombini ad aria compressa sui passanti. Ferendone diversi e seminando il panico nel quartiere. Per qualche giorno è riuscito a farla franca. A mimetizzarsi nel quartiere in cui vive e a nascondersi nel suo appartamento da dove, appostandosi dietro una finestra, con l’imbrunire aveva preso a mirare i passanti su cui sparava con una carabina ad aria compressa. Per fortuna oggi, però, dopo giorni di ricerche e indagini balistiche, i carabinieri hanno individuato e denunciato un 20enne di Signa (Firenze): autore degli agguati e responsabile del ferimento di alcuni dei poveri malcapitati finiti per caso nel centro del suo mirino.

Firenze, s’improvvisa cecchino spara piombini ad aria compressa sui passanti

Il ragazzo, che sparando dalla finestra con una carabina ad aria compressa, ha ferito i passanti, ora dovrà rispondere dei reati di danneggiamento e lesioni aggravate. Inevasa, invece, al domanda sul perché di quel folle gesto. Ripetuto metodicamente per diverse volte. E con metodicità e sistematicità costanti: quando, poco dopo il tramonto, il giovane si appostava alla finestra della propria camera. Puntava l’arma contro chiunque entrasse casualmente nel suo raggio visivo. E poi sparava con un fucile ad aria compressa alle persone che passeggiavano nell’area dei giardini del Crocifisso, ignare di essere diventate il suo bersaglio.

Ferisce ignari soggetti diventati il suo bersaglio e semina il panico nel quartiere

Addirittura, negli ultimi giorni si erano moltiplicate le segnalazioni di passanti che denunciavano ignoti che li avevano colpiti con piombini ad aria compressa. Due di questi, un uomo che stava camminando con il cane. E un nonno che portava a spasso il nipote, avevano riportato lievi lesioni a braccia e gambe. La sera del 2 ottobre, poi, l’ultimo episodio: un residente aveva richiesto l’intervento dei carabinieri perché mentre si trovava in casa a guardare la televisione aveva sentito qualcosa infrangersi rumorosamente sulla finestra del salone. Una volta controllata l’entità di eventuali danni. E nel tentativo di capire la provenienza dei colpi, l’uomo ha avuto modo di constatare subito dopo la presenza di tre pallini di piombo conficcati nell’avvolgibile.

Appostamenti e indagini balistiche consentono ai carabinieri di individuare il cecchino

Una volta ricevuto anche l’ultimo l’allarme, i carabinieri all’opera, dopo aver studiato la traiettoria dei “piombini” che avevano raggiunto le persone ferite e le finestre delle case circostanti. E al termine di un’attività info-investigativa, sono riusciti a risalire alla posizione del cecchino. I successivi accertamenti nell’abitazione del 20enne hanno consentito quindi di rinvenire e sottoporre a sequestro l’arma utilizzata: una carabina ad aria compressa di libera vendita. Ed il relativo munizionamento…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *