Il monito del Papa ai medici: «Nessuna vita è da scartare o indegna perché non risponde al profitto»

lunedì 18 Ottobre 13:49 - di Redazione
papa

La sanità cattolica è chiamata «a testimoniare coi fatti che non esistono vite indegne o da scartare perché non rispondono al criterio dell’utile o alle esigenze del profitto». È l’ammonimento lanciato dal Papa nel corso dell’udienza con i membri della Biomedical University Foundation dell’Università Campus Bio-Medico. «Ogni struttura sanitaria, in particolare di ispirazione cristiana, – ha osservato Bergoglio – dovrebbe essere il luogo dove si pratica la cura della persona e di cui si possa dire: “Qui non si vedono solo medici e ammalati, ma persone che si accolgono e si aiutano: qui si tocca con mano la terapia della dignità umana“».

Il Papa avverte: «Cura e scienza vanno insieme»

Si tratta, ha osservato il Pontefice, di mettere «al centro la cura della persona, senza dimenticare l’importanza della scienza e della ricerca. Perché la cura senza scienza è vana, come la scienza senza cura è sterile. Le due cose – ha avvertito Papa Francesco – vanno insieme, e solo insieme fanno della medicina un’arte, un’arte che coinvolge testa e cuore, che coniuga conoscenza e compassione, professionalità e pietà, competenza ed empatia. Grazie – ha detto il Pontefice rivolto al personale del Campus Bio-medico – perché favorite uno sviluppo umano della ricerca».

Guardare al malato, non al profitto

Bergoglio ha poi invitato i medici a guardare al malato più che al profitto. «Spesso, purtroppo, si inseguono le vie redditizie degli utili, dimenticando che prima delle opportunità di guadagno ci sono le necessità degli ammalati», ha detto il Pontefice, tornando su un tema affrontato già molte volte in passato». «Esse si evolvono continuamente e occorre perciò prepararsi ad affrontare patologie e disagi sempre nuovi. Ho in mente, tra gli altri quelli di molti anziani e quelli legati alle malattie rare», ha concluso il Papa, che il 5 novembre celebrerà anche una messa nella sede romana dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, in occasione del sessantesimo di inaugurazione della facoltà di Medicina e Chirurgia.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *