Finanziamento illecito alla Fondazione Open, chiuse le indagini (dopo le elezioni): ci sono Renzi, Boschi, Lotti

martedì 19 Ottobre 18:36 - di Redazione
Renzi

Archiviate le elezioni con le palate di fango lanciate sul Centrodestra dai molto presunti specchiatissimi esponenti del Centrosinistra, in queste ore la Procura di Firenze sta notificando in queste ore l’avviso di chiusura delle indagini nell’ambito dell’inchiesta su presunte irregolarità nei finanziamenti a Open, la Fondazione renziana attiva tra il 2012 e il 2018 per sostenere finanziariamente l’ascesa e l’attivitа politica di Matteo Renzi, prima come sindaco di Firenze e poi come segretario del Pd.

E si scopre così che, forse, il Centrosinistra non è proprio specchiatissimo se fra gli 11 indagati figurano lo stesso ex-premier e leader di Italia Viva Matteo Renzi, l’ex-ministra e attuale capogruppo di Italia Viva alla Camera Maria Elena Boschi, il deputato del Pd Luca Lotti, l’ex-presidente della Fondazione Open Alberto Bianchi e l’imprenditore Marco Carrai.

Al senatore Renzi e i deputati Lotti e Boschi la Procura contesta il reato di finanziamento illecito ai partiti, dal momento che il procuratore aggiunto Luca Turco e il sostituto Antonino Nastasi, ritengono la Fondazione Open un’articolazione di partito.

Agli altri indagati vengono contestati a vario titolo i reati di finanziamento illecito ai partiti, corruzione, riciclaggio, traffico di influenze.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Patrizia Franceschi 20 Ottobre 2021

    Ecco perchè Renzi è un periodo che non si sente, per tutta la campagna elettorale è stato zitto zitto. Preoccupiamoci