Domani vertice FI-Lega dal Cavaliere. I ministri azzurri: coordiniamoci, ma nessun appiattimento

mercoledì 27 Ottobre 19:41 - di Redazione

Centrodestra di governo, avanti tutta. Almeno nelle intenzioni di Silvio Berlusconi che domani ha convocato un vertice sulla manovra per  rinsaldare i rapporti  Lega-Forza Italia. E coordinare il lavoro a Palazzo Chigi. Nessuno strappo dentro Forza Italia tra il Cavaliere, tornato protagonista della scena, e i ministri azzurri che spingono per una virata europeista-liberale. Domani saranno tutti al vertice del cosiddetto “centrodestra di governo convocato a Villa Grande da Berlusconi.

Lega e FI al vertice convocato da Berlusconi

“Il centrodestra si prepara a esser più veloce, reattivo e più compatto. Non possiamo marciare divisi per poi presentarci uniti”, dice Matteo Salvini. I tre ministri forzisti, Gelmini, Carfagna e Brunetta, non si oppongono al coordinamento ma niente appiattimento sulla Lega, avvertono. Bene coordinarsi, impossibile omologarsi. Parole decisamente più distensive dopo la fuga in avanti di Brunetta. I magnifici tre andranno al vertice di domani sulla manovra con il Cavaliere, Salvini e le rispettive delegazioni di ministri. Andranno con spirito costruttivo, dicono. Ma “senza rinnegare la loro battaglia per il rinnovamento di Forza Italia. E il rafforzamento dell’identità europeista e liberale”. I ministri forzisti fanno asse ancora una volta. Favorevoli al coordinamento dell’attività governativa di Fi e Lega, ma altrettanto consapevoli di appartenere a due partiti differenti, che hanno due leader differenti.

L’ala governativa azzurra non demorde

Forse la battaglia dell’ala governativa di Forza Italia è solo rimandata. Per ora è presente all’interno del dibattito ma senza strappi come dimostrano i contatti e gli incontri tra i ministri e i parlamentari azzurri che condividono questa linea. Il Cavaliere è atteso a Roma per ospitare all’ora di pranzo nella sua nuova residenza-ufficio romana Matteo Salvini e la delegazione governativa leghista guidata da Giancarlo Giorgetti. Il summit, come annunciato dallo stesso Berlusconi ieri sera in collegamento via zoom con i suoi eurodeputati, sarà allargato anche ai capigruppo di Lega.

Tutto fermo per la partita del Colle

I ministri azzurri restano dell’avviso che quando sarà chiusa definitivamente la partita del Colle e scatterà il ‘tana libera tutti’, anche Berlusconi si convincerà della necessità di cambiare rotta dentro Fora Italia. E fino alle elezioni del nuovo capo dello Stato, la voce dell’ala governativa forzista sarà univoca nel denunciare le ‘carenze’ della gestione del partito. Una sorta di spina del fianco.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *