Covid, l’Iss: nelle ultime due settimane sono gli under 12 i più colpiti. E tra gli under 20 i casi sono 13.352

2 Ott 2021 16:02 - di Fortunata Cerri
Covid

I dati Covid sempre in primo piano. Nel periodo 13-26 settembre, nella popolazione under 20 italiana «sono stati diagnosticati e segnalati 13.352 nuovi casi, di cui 125 ospedalizzati, 0 ricoverati in terapia intensiva e 1 deceduto». Dalla seconda decade di luglio si è osservato un aumento in percentuale dei casi nelle fasce di età più giovani (sotto i 3 anni, e in fascia 3-5, 6-11) a discapito delle fasce 12-15 e 16-19. «Sebbene il dato non sia consolidato, nelle ultime due settimane più del 60% dei casi diagnosticati nella fascia di età 0-19 anni si è osservata nei soggetti con età inferiore ai 12 anni». È quanto rileva l’Istituto superiore di sanità (Iss) in un focus dedicato all’età scolare all’interno del report sull’andamento dell’epidemia Covid, aggiornato al 29 settembre e diffuso oggi.

Covid, i dati dell’Iss

A fronte della crescita dell’incidenza rilevata ad inizio luglio in tutte le fasce di età, a partire da inizio agosto si è osservata una forte diminuzione dell’incidenza nella fascia 12-19 anni e una diminuzione meno marcata dell’incidenza negli over 20. Per la popolazione con età inferiore ai 12 anni, che attualmente non è fra quelle indicate per la vaccinazione, l’incidenza ha iniziato a diminuire solo a partire da fine agosto. Nelle ultime due settimane, in questo gruppo «la decrescita dell’incidenza ha iniziato a rallentare – fa notare l’Iss – mentre decresce più rapidamente nel resto della popolazione».

Leggero aumento nella fascia 3-5 anni

E mentre in tutte le fasce di età si osserva una decrescita dell’incidenza nelle ultime settimane, «nella fascia 3-5 anni si osserva dalla seconda decade di settembre un leggero aumento dell’incidenza che sembra però essersi stabilizzato in quest’ultima settimana».

All’aumento dell’incidenza di Covid osservato a inizio luglio è corrisposto un aumento del tasso dei ricoveri, inizialmente nella fascia 16-19 anni che si è successivamente esteso anche ai bambini con età inferiore a 3 anni, si legge nel rapporto Iss che ricorda come un trend simile si fosse osservato anche nel periodo febbraio-marzo 2021, quando al crescere dell’incidenza era aumentato anche il tasso di ricovero nei bambini di età inferiore ai 3 anni. «Nelle ultime quattro settimane si è osservata però una decrescita del tasso di ricovero nei bambini con età inferiore a 3 anni, a fronte di una diminuzione dell’incidenza».

In totale, dall’inizio dell’epidemia al 29 settembre 2021, nella popolazione giovane italiana, tra 0 e 19 anni, sono stati riportati al sistema di sorveglianza integrata 754.889 casi confermati di Covid, di cui 35 deceduti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA