Bersani (70 anni) non si ricandiderà: “Con Bossi cazzeggiavamo alla grande. Speranza mi ha reso felice”

lunedì 4 Ottobre 10:31 - di Davide Ventola
Bersani

Nel Parlamento con chi ha legato di più? «Con Bossi. Cazzeggiavamo alla grande, era una frequentazione leggera, gustosa». La risposta che non ti aspetti arriva da Pierluigi Bersani. L’ex segretario del Pd, oggi passato a Leu, si racconta fuori dalle righe ad Antonello Caporale del Fatto quotidiano.

Non tornerà a pettinare le bambole, ma quasi. Bersani annuncia infatti che a fine legislatura lascerà il seggio. Ora è deputato ma, dichiara, «tra due anni non lo sarò più. Cinquantasei anni fuori casa bastano a sentirsi realizzato. Non lascerò la politica, quella non si lascia mai. Il seggio sì». Ma sono promesse da postcomunista, che andranno viste alla prova dei fatti. Anche Veltroni aveva promesso di trasferirsi in Africa. Sappiamo come è andata a finire.

Bersani sulle lobby: “Assicurazioni e farmacisti i più potenti”

Bersani parla anche della sua salute: «Per chi ha visto la morte in faccia, l’ha proprio accarezzata non una ma due volte (nell’84 un incidente stradale micidiale, nel 2014 un ictus ndr) già il fatto di godere di buona salute e confidare di rimanervi negli anni che arriveranno resta un traguardo prezioso».

Bersani, con l’occasione si toglie qualche sassolino dalla scarpa. Il padre del decreto che ha liberalizzato diversi settori, viene tirato in ballo sulla lobby dei farmacisti.
«Sono una lobby fortissima». Nella top ten delle lobby, mette ai primi posti «assicurazioni, banche e petrolieri». Mentre nelle professioni liberali, appunto «farmacisti e avvocati».
E quelli che ha spinto in politica? Che gli sembravano bravi e poi si sono rivelati stronzi? «Ah, quelli parecchi. Perché tu puoi valutare la testa di uno, ma non la sua anima. Investi politicamente su un tizio o una tizia e poi capisci che è andata buca». Alla domanda di Caporale: “Uno che l’ha fatto felice?” Non ha dubbi: «Roberto Speranza». E da questa risposta capisci perché Bersani non è mai riuscito a “smacchiare il giaguaro”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *