A Trieste la riscossa del centrodestra: Dipiazza confermato nel giorno della vergogna degli idranti

lunedì 18 Ottobre 17:57 - di Lucio Meo

Nel giorno della sconfitta del centrodestra a Roma e Torino, arriva una bella notizia da Trieste, dove Roberto Dipiazza, il candidato del centrodestra unito, viene confermato al ballottaggio contro il suo avversario di centrosinistra. Una vittoria importante, nel giorno della vergogna per l’utilizzo degli idranti contro i manifestanti No Green Pass da parte del ministro Lamorgese, passata dall’immobilismo contro i neofascisti che assaltarono la Cgil a Roma, alla mano pesante contro gli operai triestini che legittimamente e pacificamente manifestavano.

“Un’emozione così forte non l’ho mai provata. Quattro mandati a Trieste, uno a Muggia…”, dice Dipiazza. “E’ una grande soddisfazione – dice ai cronisti – ed è importante anche per portare avanti un momento per la città straordinario, visto che abbiamo tantissime risorse del Pnrr da investire”.

A Trieste Roberto Dipiazza batte Russo con il 51,29%

Roberto Dipiazza, sindaco uscente di Trieste, era appoggiato da Lista Civica Dipiazza per Trieste, Lega Salvini Fvg, Noi con l’italia Dipiazza sindaco, Cambiamo Trieste, Forza Italia e Fratelli d’Italia. Il primo cittadino è stato confermato con il 51,29% per cento dei voti (38.816 votanti). Al ballottaggio ha superato Francesco Russo, sostenuto da Partito Democratico-Demokratska Stranka, Uniti per un’altra città – Združeni Za Drugacno Mesto, Partito Animalista Ambientalista, Lista Russo Punto Franco, Ts 21-26 Russo Sindaco e Noi Pensionati Insieme, che ha ricevuto 36.858 voti pari al 48,71%.

“Congratulazioni a Roberto Dipiazza rieletto sindaco di Trieste. Il suo buongoverno degli ultimi 5 anni è stato premiato. La sua scelta, come quella di Roberto Occhiuto in Calabria, conferma che i candidati di Forza Italia sono vincenti. Buon lavoro!”, scrive su Twitter Antonio Tajani, Coordinatore nazionale di Forza Italia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *