Voto in Germania, Meloni: «Il centrodestra che si presta ad alleanze innaturali perde consenso»

lunedì 27 Settembre 12:41 - di Redazione
germania

«Il crollo dei popolari della Cdu/Csu in Germania dopo 16 anni di cancellierato Merkel e il successo della Spd certificano che quando forze di centrodestra si prestano per anni ad alleanze innaturali con la sinistra finiscono per annacquare la propria identità e perdere consenso». Giorgia Meloni interviene sul voto in Germania, dove la Spd ha ottenuto il 25,7% dei voti a fronte del 24,1% della Cdu/Csu. Un’analisi politica, quella della leader di FdI, che si addentra un po’ più nel merito, andando oltre le mere letture strumentali che molti stanno dando a Roma.

L’analisi di Meloni sul voto in Germania

Meloni, quindi, ha sottolineato che «lo stesso sta avvenendo nelle istituzioni Ue, con un Ppe ormai al traino delle sinistre». Per la leader di FdI, quindi, «il messaggio che ci arriva dalle elezioni tedesche non è la sconfitta del sovranismo, come dice il mainstream, ma la necessità di consolidare un sano bipolarismo. Che consenta ai cittadini di scegliere maggioranze chiare e coese e di sapere la sera stessa delle elezioni chi governerà».

«Puntare sul bipolarismo anche a livello europeo»

Ad oggi, invece, in Germania non è affatto chiaro quale maggioranza di governo di formerà, con scenari possibili che vanno da un governo a trazione Cdu/Csu, con liberali e Verdi, a uno a guida socialdemocratici con la sinistra di Linke e i Verdi. Insomma, una situazione in cui, allo stato attuale, ha vinto solo l’incertezza. La leader di FdI ha inoltre chiarito che «come Fratelli d’Italia e come Conservatori europei vorremmo riprodurre quel bipolarismo anche a livello continentale. Per rappresentare un’alternativa di governo forte alle sinistre».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *