Usa, la star progressista Ocasio-Cortez “inciampa” nel vestito anti-ricchi: la sua stilista evade il fisco

lunedì 20 Settembre 17:07 - di Francesca De Ambra

Predicano bene, razzolano male. Ovunque. Globalista la sinistra lo è sul serio: nei (pochi) pregi, come nei (tanti) difetti. Prendete la star emergente del progressismo Usa, la deputata Alexandria Ocasio-Cortez: talmente paladina dei deboli, degli ultimi e degli oppressi da presentarsi al Net-gala di New York con un abito bianco attraversato da una scritta rossa: «Tassare i ricchi». Vaste programme, direbbe De Gaulle. Peccato per lei che Aurora James, la stilista che ha disegnato e cucito l’abito-provocazione, le abbia giocato un brutto scherzo. Certo, a sua insaputa. Ma, si sa, la politica non va troppo per il sottile quando si tratta di mettere nell’angolo il nemico.

Ocasio-Cortez al Met-Gala con un abito-manifesto

E di nemici la Ocasio-Cortez ne conta molti. Alcuni annidati nella redazione del New York Post. La James ha sbagliato a sottovalutarli perché neanche per un secondo hanno resistito alla tentazione di andare a dare una sbirciatina ai rapporti della stilista con il fisco. Forse anche perché incuriositi dalla circostanza che una professionista così sensibile al tema della redistribuzione della ricchezza avesse come compagno di vita il milionario Benjamin Bronfman. E bene hanno fatto perché la loro curiosità è stata premiata, visto che la James è risultata poco in sintonia con quel vermiglio «tax the rich» da lei stessa ricamato sulla candida stoffa.

Il NYP: «La stilista Aurora James non paga le tasse»

Come informa infatti un articolo della Stampa rimbalzato su Dagospia, i segugi del NYP hanno scoperto che la stilista di problemini con il fisco Usa ne ha più di uno. Ha appena comprato una villa da 1,6 milioni di dollari a Hollywood, ma la sua compagnia deve 14.798 dollari al fisco di New York, e 103.220 a quello federale. Motivo del contenzioso? Non ha corrisposto le ritenute sui compensi dei dipendenti. Un vero scoop che come tutti gli scoop non poteva che finire in prima pagina. Ci sarà rimasta male la Ocasio-Cortez. Ma certamente ne guadagnerà in prudenza in vista del suo prossimo show. Sempre che, beninteso, nel frattempo abbia cambiato stilista.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *