Pistoia, albanese aggredisce l’ex-compagna con in braccio il figlio di 1 anno. Arrestato dai carabinieri

mercoledì 29 Settembre 20:13 - di Redazione
Carabinieri

Prende a schiaffi l’ex compagna, 18 anni non ancora compiuti, mentre tiene in braccio il figlioletto di appena dodici mesi. Per questo un 29 anni albanese, con precedenti penali, è finito in manette. A fargliele scattare ai polsi, i carabinieri in provincia di Pistoia. Per lui l’accusa è maltrattamenti in famiglia aggravati. L’episodio si è verificato lunedì 27 settembre quando i carabinieri in servizio presso la centrale operativa hanno ricevuto la richiesta di aiuto. Dall’altro capo la voce tremante di una giovane donna in lacrime e fortemente spaventata anche per l’incolumità del figlio di appena un anno che era con lei.

La 18enne subito soccorsa dai carabinieri

«Il mio ex-compagno mi ha aggredita», è riuscita a dire con un fil di voce. I soccorsi sono scattati immediatamente con due pattuglie di militi dirette all’indirizzo della donna. Nel frattempo, in attesa dell’arrivo dei carabinieri, l’operatore della centrale restava in contatto telefonico con la ragazza. Cercava di tranquillizzarla, fornendole allo stesso tempo indicazioni su come proteggersi e acquisendo quante più informazioni utili per l’intervento. Dopo pochi minuti i carabinieri sono arrivati sul posto e hanno accompagnato la giovanissima madre e il suo bimbo al pronto soccorso.

L’effetto della droga dietro la violenza dell’uomo

La donna ha riferito che già da tempo non conviveva più con l’ex compagno e che già nella serata precedente aveva mostrato un atteggiamento violento e aggressivo, verosimilmente legato all’assunzione di sostanze stupefacenti. Nella mattinata la donna insieme al figlio, per prendere alcuni vestiti del figlioletto, si era recata dall’uomo. Ma quest’ultimo l’aveva subito aggredita con schiaffi e ingiurie, incurante della presenza del bimbo di un anno avuto proprio nel corso della relazione. Sulla base degli elementi raccolti, il 29enne albanese dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia aggravati. Nel frattempo, i carabinieri hanno accompagnato il cittadino albanese nel carcere di Prato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *