Jessica Rabbit è troppo sexy, la Disney le mette l’impermeabile. Anche Lola Bunny vittima del gender

lunedì 20 Settembre 11:52 - di Adele Sirocchi

Jessica Rabbit è troppo sexy. E la Disney cambia i connotati al celebre personaggio, uno dei più iconici del film di Robert ZemeckisChi ha incastrato Roger Rabbit” (1988). Niente più curve, né sguardi fatali, né scollature trasgressive.

La Disney trasforma Jessica Rabbit e le copre le curve

La Disney, infatti, ha fatto sapere che nel parco tematico più famoso al mondo, il Disneyland di Anaheim, in California Jessica Rabbit si trasforma. “Tornerà – scrive Il Messaggero – in una versione più attuale e pertinente per la cultura di oggi: non più la la moglie di ma sarà lei stessa un’investigatrice privata, titolare della sua agenzia, impegnata nella lotta contro il crimine che sta attanagliando la Los Angeles del 1947″.

Come cambia Jessica Rabbit

Nella foto che la ritrae a mezzo busto – continua il quotidiano – “indossa un casto impermeabile doppio petto con scollo a V e un cappello Fedora”. Una notizia che conferma quanto la multinazionale del divertimento sia ormai allineata agli standard del pensiero unico su donna, sessualità, educazione sessuale, gender e razzismo.

Le donne sexy stridono col modello gender fluid

Le donne sexy infatti finiscono con il risultare addirittura offensive per l’archetipo gender fluid che si vuole androgino, non binario, un essere che in fondo femmina non è più e non deve essere più. Jessica non è la sola a subire il destino della correzione del personaggio. Anche Lola Bunny è stata accusata di eccessiva sensualità. Così, con la scusa di rispettare il corpo delle donne, appare anche lei con un nuovo look nel sequel di Space Jam. Spariscono il top che lasciava scoperta la pancia e i pantaloncini cortissimi: Lola Bunny indossa una divisa più morbida e comoda, identica a quella dei compagni di squadra. In più la coniglietta perde lo sguardo ammiccante e possiede un seno meno prosperoso.

Il caso degli angeli di Victoria’s secret

E’ ormai ritenuto impossibile che una donna sexy possa rappresentare il genere femminile. Cancellare la sensualità fa parte del disegno culturale più generale che mira a cancellare la sessualità in nome dell’identità di genere autopercepita. Non solo la Disney si adegua. Lo fa anche il cinema. E lo fanno i brand famosi come Victoria’s secret, che ha stabilito di far abbandonare la passerella agli “angeli”. Per fare posto a donne più rappresentative dell’identità di genere come  la campionessa di calcio e attivista Lgbt Megan Rapinoe e la modella transgender Valentina Sampaio. Una scelta di allineamento al nuovo must di pubblicità e serie tv, cioè esaltare il gender fluid e le identità “non binarie”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *