Gay e aborto, Brosio esalta il Bergoglio di destra: “Qualcuno s’illudeva che bruciasse il Vangelo…”

giovedì 16 Settembre 13:08 - di Marta Lima

“Non capisco perché ci si stupisca. Se il Papa avesse detto il contrario su aborto e matrimonio, si sarebbe dovuto bruciare direttamente il Vangelo. La Chiesa dice che non puoi interrompere una vita, dice che il matrimonio è tra uomo e donna e che se ti sposi, quel matrimonio è indissolubile, e questo fa incazzare tutti. Io stesso ho avuto due matrimoni, e a sedici anni ho messo incinta la mia ragazza che purtroppo ha abortito. Ma sono consapevole che questo è sbagliato per la Chiesa, non ci si può creare la Chiesa che si vuole”. E’ un fiume in piena Paolo Brosio mentre, conversando con l’Adnkronos, commenta le parole di ieri di Papa Francesco sull’aborto e sul matrimonio che è “solo tra uomo e donna”. Parole che hanno deluso la sinistra, che lo aveva incoronato suo idolo, e che hanno invece trovato l’approvazione della destra. Brosio sta con Bergoglio, Bergoglio sta col Vangelo.

Brosio plaude alle parole del Bergoglio di destra…

Sì alle unioni civili tra persone omosessuali ma nulla a che vedere con il matrimonio “che è tra uomo e donna”. Quanto all’aborto è “un omicidio, senza mezze parole”, aveva detto Papa Francesco sul volo di ritorno dalla Slovacchia. “Il matrimonio – ha ricordato nel ‘intervista con i media trasmessa da Tv2000 – è un sacramento, la Chiesa non ha potere di cambiare i sacramenti così come il Signore li ha istituiti. Ci sono leggi che cercano di aiutare le situazioni di tanta gente che ha un orientamento sessuale diverso

Bergoglio aveva affrontato anche il tema dell’aborto: “E’ più di un problema, è un omicidio. Chi fa un aborto uccide, senza mezze parole. Prendete voi un qualsiasi libro di embriologia per studenti di medicina. La terza settimana dal concepimento, tutti gli organi stanno già lì, tutti anche il dna… è una vita umana”, ha detto Bergoglio aggiungendo: “Questa vita umana va rispettata, questo principio è così chiaro!”.

Il giornalista confessa i suoi  peccati

La questione dell’aborto -rivela il giornalista- l’ho detta in confessione mille volte. Perché oggi mi rendo conto che l’unione tra due persone è un atto d’amore, e non si può uccidere una vita. Lasciare impunito il peccato dell’aborto non si può. Il Papa ci manca solo che legittimi l’aborto, se sei il portavoce dei dettami della Chiesa non puoi togliere la vita a chi l’ha avuta. Un bambino che viene al mondo è un dono di Dio, se tu lo impedisci come puoi pensare di fare una cosa gradita agli occhi di Dio? Qui è l’uomo che si vuole sostituire a Dio”.

E su questo tema, Brosio plaude a Bergoglio e spiega: “In questi ultimi anni a me pare che ci sia stata un’accelerazione della sostituzione della scienza messa al posto di Dio. La scienza è una cosa meravigliosa, ma ci sono dei limiti che non può superare“. Questo vale non solo per l’aborto ma, per Brosio, anche “per il tema dell’eutanasia. Quando l’uomo incide sull’inizio della vita e sulla fine della vita, il mondo non potrà mai essere tranquillo. Questo lo ha detto Madre Teresa di Calcutta”, chiosa il giornalista.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *