A Medjugorje rosario anti pandemia. Brosio: «La scelta del Papa un nuovo passo importante»

sabato 15 Maggio 20:38 - di Giovanna Taormina
Medjugorje

Medjugorje per la prima volta al centro di una iniziativa ufficiale della Santa Sede. La parrocchia di San Giacomo della cittadina della Bosnia Esrzegovina meta di pellegrinaggi, con milioni di pellegrini ogni anno, guida stasera la maratona di preghiere anti pandemia voluta dal Papa.

Il caso Medjugorje, che è ancora aperto, è iniziato nel giugno 1981. Quell’anno ci furono le apparizioni a sei veggenti, quattro ragazze e due ragazzi a quali la Vergine si sarebbe presentata come “Regina della Pace”.

I riconoscimenti

Sul maratona di preghiera è intervenuto Paolo Brosio. Il giornalista e scrittore, al quale Medjugorje con la spiritualità legata alle apparizioni della Madonna ha cambiato la vita, ha parlato con l’Adnkronos. «Il fatto che il Pontefice abbia scelto il santuario di Medjugorje per una preghiera globale è un riconoscimento indiretto della spiritualità riconosciuta al luogo di culto. Il fatto stesso che abbia mandato il vescovo di Varsavia a Medjugorje è un altro importante riconoscimento, e poi non dimentichiamo che sono stati riconosciuti i pellegrinaggi».

Medjugorje, Brosio: «Un passo importante»

Quanto al dossier nelle mani di Papa Francesco sulle apparizioni a Medjugorje, Brosio osserva: «Non sarà il rosario a qualificare il luogo per la decisione, sta di fatto che anche questo è un passo importante. E poi quando Ruini dice che le prime sette apparizioni sono vere, viene da pensare che questa tanto vituperata Medjugorje alla fine esce alla grande».

Il giornalista considera: «È stata riconosciuta come luogo di culto. Ora fanno proprio qua il rosario anti pandemia insieme a tutti i più grandi santuari del mondo. Ci manca solo un pronto soccorso: in un posto del genere con tre milioni di pellegrini ogni anno. Se succede qualcosa si deve andare a Mostar. È una vergogna il fatto che non ci sia. Siamo davanti a tanti piccoli passi ma tutti significativi».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *