Crozza massacra la Cirinnà: «Non difendo i lavoratori, sennò a Capalbio mi guardano storto» (video)

25 Set 2021 19:48 - di Giovanni Pasero
Crozza imita la Cirinnà

«L’unica cosa certa è che il cane non ha trovato da cambiare». Maurizio Crozza è più perfido che mai.  Nella prima puntata della nuova stagione di Fratelli di Crozza – in prima serata sul Nove e in streaming su Discovery+ – Crozza ha riproposto la sua nuova imitazione della senatrice Monica Cirinnà, più esilarante che mai. Nei panni della parlamentare romana si è scatenato in una imitazione urticante. «Ma poi parliamoci chiaro… il lavoratore non si porta più da anni, è una cosa anni ’70… oggi è molto più moderno il discorso LGBT. È una lotta comoda. Chi non è d’accordo con battaglie di civiltà come queste? Mettersi a favore degli operai invece significa mettersi contro le imprese e lei non ha idea del disagio… quando poi sulla spiaggia a Capalbio vedi l’industriale che ti guarda storto».

Crozza, dall’imitazione di De Luca a quella della Cirinnà

Un personaggio davvero spassoso, che fa concorrenza a uno dei cavalli di battaglia di Crozza. Quel Vincenzo De Luca, governatore della Campania, che però ha superato in battute e in provocazioni il suo stesso imitatore. Una nemesi che sembra colpire spesso i personaggi imitati dal comico. Non ultimo quel Massimo Ferrero, l’imprenditore del settore cinematografico e presidente della Sampdoria, che in onda a La7, ha sciorinato un vero e proprio show sopra le righe. Tanto che, a un certo punto, Cecchi Paone in studio a La7 da Myrta Merlino, ha domandato se in collegamento ci fosse davvero Ferrero oppure Crozza.

Crozza infierisce sulla brutta fine della sinistra italiana

Al di là delle battute di Crozza e della sua imitazione della Cirinnà, ancora non si sa nulla dell’indagine e dei soldi ritrovati nella cuccia del cane. Sulle indagini c’è il massimo riserbo. Più che i soldi, è stata però l’intervista scellerata della senatrice dem col Corriere della Sera a lasciare basiti molti. Le osservazioni sulla cameriera strapagata hanno lasciato il segno. Non a caso Crozza infierisce, regalando agli spettatori risate, ma anche qualche spunto di riflessione sulla brutta fine della sinistra italiana.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA