Zaia: «Il reddito di cittadinanza va cambiato, non si trova lavoro guardando la televisione»

martedì 10 Agosto 13:39 - di Franco Bianchini
Zaia

È il momento di cambiare. Luca Zaia, in un’intervista al Corriere della Sera, mette le cose in chiaro. A partire dal reddito di cittadinanza. «Non è una novità italiana, in altri paesi esiste». Però, è stato introdotto male nel nostro Paese. «Ha permesso ad alcuni di lucrare a carico della comunità senza effetti vistosi sull’occupazione». Infatti «è difficile trovare lavoro guardando la tv».

Zaia e la defiscalizzazione

«La strada», incalza Zaia, «era la defiscalizzazione delle assunzioni, con qualche misura per evitare i turn over di opportunità». Il ministro Orlando ha incontrato i sindacati sul tema degli ammortizzatori sociali.  «Credo che questa sia una riforma delle riforme, fondamentale anche in vista del Pnrr. Parlarne oggi è impossibile, ma io credo debba essere rispettosa di chi si è spaccato la schiena per fare grande questo Paese. E deve essere di buon senso e di modernità».

Finisce la stagione dei temponi gratuiti

Zaia ha annunciato che la stagione dei tamponi gratuiti pagati dalla Regione è finita. Si paga da 8 a 22 euro. Il governatore del Veneto non è pentito, anzi. «Ma il tampone gratis», dice, «non può essere la risorsa alternativa di chi vuole andarsi a mangiare una pizza senza vaccinarsi. È arrivato il Green pass. Il tampone è diventato l’occasione per uscire senza bisogno di vaccinazione».

Quell’inconcepibile assalto alla diligenza

Il risultato? «Un assalto alla diligenza, ondate senza senza senso». In una sola giornata « abbiamo dovuto fare 52mila tamponi. Ma noi abbiamo il dovere di farli agli ammalati, a chi ha avuto contatti con i malati. E ancora, ai lavoratori della sanità e delle case di riposo. Oppure a chi va a trovare i congiunti in queste strutture. Ma continuando come prima, avremmo mandato la macchina al collasso».

Zaia e il no alla scappatoia

Ne hanno approfittato parecchi anti vaccinisti? «Lapalassiano. Più di qualcuno che non si vuol vaccinare ha visto questa opportunità come una scappatoia gratis».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *