Simon Gautier, Dostoevskij e gli eroi del Cilento: al Festival di Pioppi il libro di Luca Maurelli (video)

lunedì 2 Agosto 19:27 - di Marta Lima

“Da qui vedo il mare, potete localizzarmi?”. Erano le 8.55 del 9 agosto 2019 quando il giovane studente francese, Simon Gautier, steso al sole, in un lago di sangue, nascosto alla vista dai cespugli,  a poche decine di metri dalle spiagge incontaminate e affollate, provò a indicare ai centralinisti del 118 la sua posizione. Era moribondo in un anfratto della costa della Masseta, su un sentiero che collega Scario al pianoro di Ciolandrea di San Giovanni a Piro, nel Cilento. Era caduto pochi minuti prima dopo aver perso il sentiero principale mentre praticava trekking e si muoveva in direzione di Palinuro. Fu ritrovato solo dopo nove giorni, morto, forse dopo pochi minuti dal quell’ultimo disperato tentativo di provare a farsi localizzare dai soccorritori.

Simon Gautier poteva essere salvato? Il libro inchiesta di Luca Maurelli

Sulla tragica fine di Simon Gautier, 27 anni, francese, dottorando in Storia dell’Arte alla Sorbona, il giornalista Luca Maurelli ha da poco dato alle stampe un libro, Io vedo il mare: la vera storia di Simon Gautier che si smarrì con Dostoevskij su un sentiero del Cilento” (Guida Editori) che indaga su quei giorni di disperazione e dolore con testimonianze e documenti inediti e racconta lo straordinario legame che si creò tra la famiglia di Simon e la comunità locale, tra notti insonni, avvistamenti sbagliati, eroi per caso e un volume profetico che il ragazzo francese aveva scelto per quel viaggio.
L’inchiesta tocca anche i temi della sicurezza dei sentieri nel Cilento e al Sud, anche alla luce della tragica scomparsa della piccola Margarita, bambina tedesca caduta da un  dirupo su un sentiero di Palinuro il 22 maggio del 2021.

Il Festival della Dieta Mediterranea fino al 4 settembre

Martedì 3 agosto (ore 21), l’autore ne parlerà nei giardini di  Palazzo Vinciprova di Pioppi al Festival della Dieta Mediterranea, la kermesse diretta da Valerio Calabrese che si è aperta lo scorso 30 luglio e durerà fino al 4 settembre, con un ricco programma di incontri, degustazioni, laboratori e incontri letterari. L’incontro sarà moderato da Giuseppe Pedersoli e vedrà la partecipazione dell’attore Lucio Allocca con la lettura di brani del libro. Tra gli ospiti, i volontari del Cai-Cnsas Angelo Caprio e Raffaele Di Domenico, che in quei giorni di affannose ricerche e di polemiche provarono fino alla fine, con tutta la popolazione locale, a trovare Simon, fino ad individuarlo e a restituirlo, purtroppo cadavere, alla sua famiglia. Tra gli ospiti anche Paolo Vassallo, presidente della Onlus Autism Aid che patrocina il libro insieme con il Sugc, il sindacato dei giornalisti campani.
Al termine della presentazione del libro si svolgerà il concerto “Oscar Movies Ensamble”, voce Alina Di Polito, flauto Mauro Navarra.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica