Dramma nel Bresciano, guardiacaccia 18enne precipita e muore in un dirupo: era appena stato assunto

lunedì 9 Agosto 16:02 - di Lorenza Mariani
guardiacaccia morto in un dirupo

Una tragedia nel Bresciano stravolge una intera comunità ancora sotto choc: Simone, un giovane guardiacaccia, precipita e muore in un dirupo. Solo un mese fa aveva festeggiato l’assunzione… Aveva appena 18 anni Simone Valli, che ha perso la vita precipitando in un dirupo lì, nell’oasi naturalistica di Valbelviso, al confine con la provincia di Brescia, dove era stato assunto da circa un mese. Lì, dove il sogno di lavorare e vivere immerso nel verde della natura, si è trasformato nell’incubo di una fine improvvisa, prematura, che ha gettato nel dolore più lancinante la famiglia della vittima e una comunità intera.

Tragedia nel Bresciano, guardiacaccia 18enne muore in un dirupo

già, perché la notizia della morte di Simone ha gettato nello sconforto l’intera comunità di Teglio, il paese in provincia di Sondrio in cui la vittima viveva. Un piccolo mondo strettosi alla famiglia del ragazzo scomparso così prematuramente e all’apice della soddisfazione e della contentezza. Sì, perché il guardiacaccia 18enne era felice: e lo aveva confidato agli amici. Felice di aver conseguito il titolo di guardacaccia ed essere stato assunto nella riserva dove poteva realizzare ogni giorno il suo sogno: lavorare a stretto contatto con il verde. Un sogno che la caduta mortale in un burrone ha trasformato in un incubo senza ritorno.

Ecco chi era Simone, il 18enne assunto appena un mese fa

Simone, riferiscono agenzie di stampa e siti locali, è scivolato in un dirupo nel corso di un sopralluogo in un bosco con un collega. «Morendo per le gravi lesioni riportate nella caduta». Una tragedia che si è consumata nel pomeriggio di ieri (domenica 8 agosto ndr). Il collega ha immediatamente lanciato l’allarme, ma quando i soccorsi sono arrivati sul posto per il 18enne già non c’era più niente da fare. Le squadre di soccorritori, giunte sul luogo della tragedia in pochi minuti, purtroppo non hanno potuto far nulla per salvargli la vita. Se non constatarne il decesso, sopraggiunto per le gravissime ferite riportate nella caduta fatale.

Guardiacaccia morto in un dirupo: al via le indagini dei carabinieri

Anche i carabinieri sono intervenuti e hanno avviato le indagini. Ora un’inchiesta dovrà chiarire la dinamica della drammatica vicenda avvenuta all’interno dell’azienda faunistico venatoria Val Bondone Malgina a Teglio, comune in provincia di Sondrio. E allora, le indagini dei carabinieri, coordinate dalla Procura della Repubblica di Sondrio, stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente mortale e risalire alle cause che hanno fatto precipitare Simone Valli nel burrone.

Una prima ipotesi sull’incidente mortale

L’ipotesi più accreditata al momento, in base a quanto riferisce Sondrio Today, è quella secondo la quale il 18enne abbia perso l’equilibrio a causa del terreno intriso di acqua per via delle forti piogge abbattutesi in zona negli ultimi giorni. Ipotesi, supposizioni, che solo esami e riscontri specifici potranno accreditare o smentire. La ricerca della verità su una tragedia che ha spezzato la giovane vita del guardiacaccia 18enne, è solo alle prime battute...

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica