Salvini “avvisa” i grillini: «Nessun riconoscimento a chi tratta le donne peggio delle bestie»

martedì 24 Agosto 8:08 - di Emanuele Valci
Salvini

«Ne ho parlato con il presidente Draghi. Abbiamo parlato di terrorismo internazionale perché quello che accade in Afghanistan rischia di essere un problema per l’Europa e per l’Italia. La Francia ha bloccato 5 afghani per sospetti legami con il terrorismo». Matteo Salvini, a Rimini, mette in chiaro la sua posizione. «Dopo la fuga degli Stati Uniti non concordata e non condivisa che ha lasciato spazio ai talebani, bisogna aiutare i paesi vicini ad ospitare i profughi. Nessuno spazio per gli estremisti islamici, nessun riconoscimento».  Una risposta indiretta a chi, come Conte e Di Battisti, fanno i buonisti con i Talebani.

Salvini: «I Paesi europei devono fare la loro parte»

«Ho incontrato l’ambasciatore afghano e pachistano. La soluzione è quella del sostegno alle forze democratiche in Afghanistan. Nessun riconoscimento a chi tratta le donne peggio delle bestie». Poi aggiunge: «L’Italia ha il dovere di ospitare donne, bambini e le persone che hanno collaborato con le nostre istituzioni. Però gli altri Paesi europei e i Paesi vicini devono fare la loro parte. Non può essere sempre e solo l’Italia a farsi carico di tutti».

L’obbligo vaccinale e la risposta degli italiani

Il discorso poi cade sul Covid. «Quando sento parlare di inseguire bambini e ragazzi, dico “attenzione”. Lo dico da padre. Io ho 48 anni e mi sono vaccinato per scelta e non per costrizione. I bambini vanno tutelati e protetti. L’obbligo vaccinale? Spero proprio di no. Nessun Paese europeo ha l’obbligo vaccinale. Non vedo perché debba averlo l’Italia. Gli italiani stanno rispondendo bene».

Salvini: «Il centrodestra è unito ovunque»

L’inizio dell’anno scolastico continua a far discutere. C’è confusione, le regole non sono chiare. «L’ho detto a Draghi. L’importante è che la scuola sia in presenza per tutti. Nessuno deve rimanere fuori dalla classe». E le amministrative? «Lega e centrodestra vanno insieme ovunque», risponde Salvini. «Mentre Letta, Conte, Di Maio, Renzi si dividono e litigano, noi stiamo insieme. Sto lavorando come un matto per tenere il centrodestra unito perché è un valore aggiunto».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica