Gianfranco Paglia: «Il sacrificio dei nostri soldati non è mai inutile. Sono il vero orgoglio dell’Italia»

giovedì 19 Agosto 14:10 - di Renato Fratello
Gianfranco Paglia

«La questione afghana pone al centro del dibattito anche il vano sacrificio dei nostri caduti, ma non è così». Lo dice il tenente colonnello Gianfranco Paglia, Medaglia d’Oro al Valor Militare e consigliere del Ministro della Difesa Lorenzo Guerini. «Il sacrificio dei nostri soldati – continua – non è mai inutile, personalmente, considerato quanto accaduto in Somalia, posso ben affermare che non ho mai avuto ripensamenti o pensato che rimanere in carrozzina fosse un prezzo troppo alto da pagare. Del resto nessuno ci obbliga, siamo noi che scegliamo di essere soldati ed ogni volta che partiamo per una missione non chiediamo mai il perché e come andrà, speriamo solo di riuscire a fare il nostro dovere fino in fondo ed è quello che hanno fatto tutti i nostri caduti, indipendentemente dal risultato finale della missione».

Gianfranco Paglia: «Il loro sacrificio è un esempio»

E incalza: «Questo è il ricordo che un Paese deve mantenere vivo. Mi auguro che i familiari delle vittime non pensino che sia stato vano perché sarebbe una sconfitta per tutti. Il loro sacrificio, invece, è un esempio di cosa significhi essere soldato, un esempio per il Paese che grazie a loro viene rispettato. Sono il vero orgoglio dell’Italia. Nessuno potrà mai ridare un figlio, un padre, un marito, un fratello, l’unica cosa che possiamo fare è che la loro memoria sia sempre viva rispettandoli così come loro hanno rispettato noi sacrificando il bene più prezioso che è la vita».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica