È morto il senatore della Lega Paolo Saviane, aveva 59 anni. FdI: “Addio a un collega perbene”

venerdì 20 Agosto 18:59 - di Giovanni Pasero
Paolo Saviane

È morto Paolo Saviane: il senatore leghista aveva 59 anni ed era malato da tempo. Saviane, già segretario provinciale della Lega Nord-Liga Veneta nel 2015 a Belluno, era un imprenditore molto conosciuto in Alpago. Era membro della tredicesima Commissione permanente (Territorio, ambiente, beni ambientali) e della Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale. Aveva ricoperto anche la carica di presidente del Fondo Comuni Confinanti.

Fratelli d’Italia rende omaggio a Paolo Saviane

«A nome del gruppo di Fratelli d’Italia desidero esprimere cordoglio e vicinanza alla famiglia del senatore Saviane prematuramente scomparso, ed ai senatori della Lega. Ci lascia un collega competente, serio e capace che tutti in questi anni hanno saputo apprezzare e stimare. Una grave perdita per tutto il Senato» Così il capogruppo di Fratelli d’Italia al Senato, Luca Ciriani. «Il mio cordoglio per la scomparsa del senatore Paolo Saviane e la mia vicinanza alla famiglia e agli amici della Lega per la grave perdita». Così il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida.

Le lacrime di Calderoli: “Perdo un amico e una persona perbene”

Particolarmente toccante il ricordo del senatore Roberto Calderoli, vice presidente del Senato. «Se ne è andato yn amico prima che un collega e un compagno di battaglie politiche, ma soprattutto una persona perbene, con valori e doti umane rare da trovare in politica».  „Purtroppo anche Paolo – aggiunge Calderoli – combatteva con la stessa brutta malattia che per anni ho combattuto io e la combatteva con lo stesso coraggio e con la stessa tenacia. Oggi non è più con noi ed è impossibile accettarlo, una preghiera per lui e il mio cordoglio e la mia vicinanza alla sua famiglia».

De Carlo: “Lascia un vuoto enorme nel Bellunese”


«Con la morte di Paolo Saviane il Bellunese perde un politico che fino all’ultimo si è speso per il suo territorio. Non posso negare che all’inizio i rapporti tra noi non erano certo stati buoni ma, con il mio ingresso al Senato, abbiamo iniziato a “conoscerci” e a discutere di politica e del nostro territorio, trovando le convergenze su questioni importanti per Belluno. Di lui ho imparato ad apprezzare la correttezza e la schiettezza, e per questo sono profondamente dispiaciuto per la sua scomparsa; nonostante la sofferenza che tutti abbiamo potuto cogliere, non ha mai fatto mancare la sua presenza e il suo contributo, legato al partito, al gruppo e al territorio bellunese, al quale ha dato tutto quello che era nelle sue possibilità e che ora si trova con un vuoto importante». Così il parlamentare di Fratelli d’Italia, il bellunese Luca De Carlo, ricorda ha voluto ricordare il collega scomparso oggi.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica