Casaleggio spara a zero sul M5s: “Ora stanno con Mastella e cercano i candidati tra amici e parenti”

giovedì 19 Agosto 20:27 - di Guido Liberati
Casaleggio, M5s

Davide Casaleggio spara a zero contro il suo ormai ex M5s. Lo fa in una intervista a tutto campo al Tg4. Descrive la creatura fondata da suo padre Gianroberto come una nave che sta colando a picco.

Casaleggio ironizza sul M5s: “A Milano supportano Sala, a Benevento rendono un favore”

«Si è passati da un Movimento iper democratico a un partito iper verticistico, dove un nominato nomina altri nominati. Questo sta portando a magri risultati». Casaleggio junior non risparmia frecciatine velenose in vista delle amministrative del 3 e 4 ottobre. «Per quanto riguarda la strategia del M5S oggi nei Comuni, credo stia patendo il cambio di metodo. Si è passato da un metodo in cui le candidature erano un mezzo per portare a termine un programma e oggi invece sono un fine, per piazzare qualche persona o fare un favore a qualcun altro… In alcuni casi per supportare un candidato sindaco terzo come a Milano con Sala, in altri per restituire un favore come ad esempio a Mastella non presentandosi a Benevento»

Di Maio come Verdone cerca candidati sulla sua rubrica?

Ma è il metodo di selezione dipinto da Casaleggio junior che dipinge un partito ormai allo sfascio.  «Non è un caso si stia facendo fatica a trovare persone per le liste. La scorsa volta con il M5S candidammo 7mila persone e vincemmo anche Roma e Torino. Oggi con il modello partito 2050 si fanno le telefonate per chiedere disponibilità tra amici e parenti», ha aggiunto il presidente di Rousseau. E qui l’immagine evocata da Casaleggio ha acceso il paragone cinematografico di un Luigi Di Maio come Carlo Verdone in Un sacco bello: alla ricerca disperata di un compagno di viaggio per la Polonia con una rubrica in mano e il telefono dall’altra. 

Casaleggio junior risparmia solo Di Battista: “Ha le idee chiare”

Decisamente più tenero, invece, il giudizio di Casaleggio su Alessandro Di Battista. «Di Battista saprà scegliere in modo adeguato, dovete chiedere a lui. Ha idee molto nette e poco democristiane, questo mi dà un’idea di cosa farà in futuro», per poi concludere: «Io in politica? Ho sempre fatto politica a modo mio fuori dalle istituzioni, creando strumenti di partecipazione digitale». Un no che sembra un forse che domani potrebbe diventare un sì. 


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica