Busta contenente tre proiettili indirizzata a Papa Francesco: l’affrancatura è francese

lunedì 9 Agosto 10:41 - di Redazione
Papa Francesco

Una busta con tre proiettili, indirizzata a Papa Francesco, è stata trovata a Peschiera Borromeo, nel Milanese. Questa notte i carabinieri della stazione di Paullo sono intervenuti presso il centro smistamento dove il responsabile, un italiano di 57 anni, ha segnalato la presenza di una busta, con affrancatura francese, contenente 3 cartucce, presumibilmente di pistola, priva di mittente e destinata, con scritta a penna e poco leggibile a “Il Papa -Città del Vaticano, Piazza S. Pietro in Roma”. La busta proviene dalla Francia ed è stata sottoposta a sequestro per i successivi rilievi tecnici. Indagini sono in corso.

Le parole di Papa Francesco all’Angelus

«Almeno una volta al giorno ci troviamo a prendere cibo insieme. Magari la sera, in famiglia, dopo una giornata di lavoro o di studio. Sarebbe bello, prima di spezzare il pane, invitare Gesù, pane di vita, chiedergli con semplicità di benedire quello che abbiamo fatto e quello che non siamo riusciti a fare. Invitiamolo a casa, preghiamo in stile “domestico”. Gesù sarà a mensa con noi e saremo sfamati da un amore più grande”. Lo ha detto Papa Francesco all’Angelus.

Il concetto di “pane” per Gesù

Gesù «’applica il simbolo del pane a se stesso», ha aggiunto Papa Francesco. «Dice Io sono il pane della vita. Che cosa significa pane della vita? Per vivere c’è bisogno di pane. Chi ha fame non chiede cibi raffinati e costosi, ma pane. Chi è senza lavoro non chiede stipendi enormi. Ma il “pane” di un impiego».

Papa Francesco: «Cristo ci nutre l’anima»

«Gesù si rivela come il pane, cioè l’essenziale, il necessario per la vita di ogni giorno. Senza di Lui la cosa non funziona. Non un pane tra tanti altri, ma il pane della vita. In altre parole, noi, senza di Lui, più che vivere, vivacchiamo. Perché solo Lui ci nutre l’anima. Solo Lui ci perdona da quel male che da soli non riusciamo a superare. Ci fa sentire amati anche se tutti ci deludono»

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *