Torna all’Archivio Centrale dello Stato il carteggio della Rsi: lettere e telegrammi di Mussolini tra il ’43 e il ’44

giovedì 29 Luglio 19:44 - di Elsa Corsini

Quattro lettere a Benito Mussolini del ministro Alessandro Pavolini, fondatore delle Brigate Nere. Una copia manoscritta di un telegramma del Duce al “Fuhrer della Grande Germania“. Una copia del memorandum d’intesa tra il fondatore del fascismo e l’ambasciatore tedesco Rudolf Rahn (sull’invio di lavoratori italiani in Germania). Queste e altre ‘chicche’ del periodo 1943-44 tra le 24 carte della Segreteria particolare del Duce (Carteggio Riservato-Repubblica Sociale Italiana). Che sono state restituite il 28 luglio all’Archivio Centrale dello Stato.

Lettere e documenti di Mussolini tornano all’Archivio di Stato

Tra le carte ricevute dall’ente, che ha sede nel quartiere romano dell’Eur, anche un documento proveniente dal fondo “Carte della Valigia”. La borsa che Mussolini portava sempre con sé. Oggi l’annuncio ufficiale della restituzione. I documenti – spiegano all’Archivio di Stato – “erano stati trattenuti presso il proprio studio da un funzionario della Presidenza del Consiglio”.

Telegrammi e lettere di Pavolini al Duce

“Non si tratta di documenti del tutto ignoti alla comunità degli storici”, chiarisce  Stefano Vitali, sovrintendente dell’Archivio centrale dello Stato. “Di quasi tutti esisteva una copia nei microfilm. Effettuati dalla Joint Allied Intelligence Agency. Che nell’immediato dopoguerra microfilmò diversi archivi fascisti. E poi restituì gli originali all’Italia. Ma pochi storici hanno avuto l’accortezza di integrare i documenti cartacei con i microfilm”.

I documenti includono diversi autografi di Mussolini e varie lettere ed appunti per il Duce di Pavolini, segretario del Partito fascista repubblicano.  I figli del funzionario che li aveva trattenuti, avendo rinvenuto i documenti dopo la morte del padre, hanno preso contatto con l’Archivio Centrale. Una volta appurato che si trattava di documenti provenienti da fondi archivistici conservati dall’Istituto “hanno deciso di restituirli”.

Anche una lettera di Graziani e un appunto di Pino Romualdi

Tra i documenti microfilmati dalla Joint Allied Intelligence Agency una lettera di Pavolini al Duce datata 8 settembre 1944. Una minuta di una nota di Mussolini al “Caro Ambasciatore”, relativa al richiamo delle classi per i programmi Goering e Sauckel. La copia di un telegramma autografo di Mussolini in merito all’invio di lavoratori in Germania. E il richiamo delle classi 1919, 1920 e 1921. La copia dattiloscritta di un telegramma di Mussolini al Fuhrer (24 settembre 1944). Il testo del discorso di Pavolini a Trieste del gennaio 1945. La lettera di Rodolfo Graziani al colonnello Emilio Canevari (Gargnano, 3 dicembre 1943). E ancora un appunto per il Duce del vice segretario del Partito nazionale fascista di Pino Romualdi che trasmette un promemoria del generale Farina, relativo a quattro domande di grazia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica