Pd, grosso guaio a Siena: la guerra per banche su Mps può costare il seggio (e la carriera) a Letta

sabato 31 Luglio 18:54 - di Valerio Falerni
Letta

Che cos’hanno in comune il Mps, Enrico Letta e Pier Carlo Padoan? Semplice: la città di Siena. Per il Monte Paschi a dirlo è la terza lettera dell’acronimo, per gli altri due la situazione è un po’ più complessa. Il primo è candidato nelle elezioni suppletive del collegio lasciato libero dal secondo dopo essere stato nominato presidente di Unicredit. E qui l’affare s’ingrossa perché Unicredit è esattamente la banca che dovrebbe incorporare il Mps. Un triangolo che neppure Renato Zero avrebbe considerato. Ma che invece c’è e rischia di rovinare la campagna elettorale di Letta con effetti imprevedibili sullo scenario nazionale essendosi egli impegnato a lasciare la politica in caso di sconfitta.

La banca rischia lo “spezzatino”

A complicare le cose, anche la circostanza che vede il Mps nelle mani del governo. Lo stesso di cui il Pd è magna pars, se non addirittura «l’asse», come proprio Letta ama ripetere. Succedesse quel che si vocifera, il leader dem non avrebbe scampo. E sì perché boatos sempre più insistenti raccontano che una volta acquisita da Unicredit, Siena perderebbe la sede centrale, la banca finirebbe smembrata e il personale ridotto all’osso. Le stime riportate dalla Stampa quantificano in 5-6mila gli esuberi da licenziare. Uno scenario da incubo per Letta, che ha già incaricato i suoi di lanciare l’allarme in tutte le direzioni.

Per Letta scenario da incubo

A partire dal governo cui il Pd ha già chiesto garanzie al fine di impedire lo “spezzatino“ dello storico istituto di credito, da decenni simbolo della finanza rossa, e di evitare i licenziamenti. Facile a dirsi, ma non a farsi. Tanto più che i senesi pensano che il piattino sia stato organizzato da tempo e preparato con cura. Sin dalla discesa a Siena di Padoan. «Quella era la stagione del Pd di Renzi», obiettano i sostenitori di Letta. Ma a denti stretti e a voce bassissima. Tra i due ex-premier la pace non è ancora fatta e in quel collegio l’ex-Rottamatore conta abbastanza da poter rovinare la festa ad Enrico. Che mai come questa volta ha mille ragioni per non stare «sereno».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *