Lazio, galoppa la variante Delta. Colpisce chi non è vaccinato o ha fatto una sola dose

venerdì 2 Luglio 16:24 - di Redazione
variante delta

L’ultimo studio del Seresmi (Servizio Regionale per l’Epidemiologia) Istituto Spallanzani mostra come in un mese vi è stato un incremento di 10 volte della proporzione di variante Delta sul territorio del Lazio. La variante è infatti passata dal 3,4% del 18 maggio al 34,9% di oggi.

Il 94% dei contagi tra chi non è vaccinato o ha fatto una sola dose

Altro dato su cui riflettere: il 74,5 % dei casi con variante Delta risulta non vaccinato. Una proporzione che raggiunge il 94% se si aggiungono anche i parzialmente vaccinati con una sola dose. Sono dati che fornisce l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato.

“Ad oggi – aggiunge – la variante maggiormente presente è la variante Gamma” o brasiliana “con il 36,8% dei casi, a cui segue” l’indiana “Delta 34,9” e l’inglese “Alfa con 27,4%”.

Il punto sulla campagna vaccinale: entro l’8 agosto vaccinato il 70% della popolazione

“Ecco perché – conclude D’Amato – occorre in questa fase completare i percorsi vaccinali con tutti i vaccini disponibili che sono tutti efficaci contro la variante se l’iter viene completato. L’altro aspetto riguarda il sequenziamento e il tracing”, e “su questo sono in corso i test sul 100% dei tamponi positivi”.

D’Amato ha fatto anche il punto sulla campagna vaccinale nel Lazio. “In questi giorni – afferma – abbiamo raggiunto i 5,3 milioni di somministrazioni di vaccini e 2,1 milioni di persone oggi nella Regione hanno concluso il percorso vaccinale. Questi numeri fanno del Lazio la prima Regione in Italia con l’88% di dosi somministrate sulla popolazione totale. Questo traguardo ci spinge a spostare ulteriormente avanti il nostro obiettivo e l’apertura del nuovo hub Amazon a Passo Corese rappresenta un passo ulteriore che ci condurrà verso l’immunità di gregge: contiamo infatti di arrivare entro l’8 agosto al 70% di popolazione laziale vaccinata in prima e seconda dose”.

Il vaccino J&J efficace contro la variante Delta

L’azienda Usa Johnson & Johnson fa sapere intanto che il vaccino monodose di Janssen contro Covid-19 “ha suscitato un’attività anticorpale neutralizzante contro la variante Delta” del coronavirus Sars-CoV-2, “a un livello ancora più alto di quello recentemente osservato per la variante Beta in Sudafrica, dove è stata dimostrata un’elevata efficacia contro le forme gravi/critiche della malattia”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica