Gratteri stronca la riforma della giustizia: “La peggiore di sempre, inizio a rivalutare Berlusconi” (video)

venerdì 30 Luglio 14:45 - di Lucio Meo

“Questa riforma rappresenta una tagliola per i processi ed è come il processo breve di Berlusconi, tale e quale. Anzi, Berlusconi magari faceva qualche legge ad personam, ma almeno non rimetteva le mani così pesantemente sulla giustizia. Questa è la peggior riforma mai scritta”. E’ durissimo il giudizio del procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri sulla riforma della giustizia: “La Ministra Cartabia fino a poco tempo fa faceva la Professoressa universitaria, i problemi all’interno degli uffici giudiziari sono un’altra cosa. La peggiore riforma di sempre”. Ospite della Sette, a “In onda”, Gratteri  è stato sferzante: “I magistrati di appello saranno contenti di questa riforma, perché diminuirà il loro lavoro. Basterà scrivere ‘improcedibile’ su un processo e il lavoro sarà finito… Finiranno al macero il 50% dei processi in appello e la faranno franca migliaia di imputati già condannati in primo grado”.  E aggiunge: “Ci siamo dimenticati di tutti i reati che riguardano la Pubblica amministrazione: peculato, corruzione, concussione. Cosa facciamo per questi reati? Andranno in coda, non si celebreranno. Tutti i reati che riguardano le bancarotte, dove vengono giudicati imprenditori spregiudicati che organizzano bancarotte per frodare, pensando di riciclare. Avete pensato alle parti offese?”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica