Ddl Zan, arrivano i militanti di CasaPound al Senato. Manganellate dalla polizia (video)

martedì 13 Luglio 18:27 - di Redazione

Nel giorno in cui il ddl Zan approda in aula al Senato anche i militanti di CasaPound hanno manifestato contro il provvedimento. Ma la polizia li ha respinti con un certo accanimento. Le manganellate contro i militanti sono state filmate dall’organizzazione che ha diffuso un video. Circa una ventina di ragazzi hanno tentato di avvicinarsi al Senato camminando imbavagliati e con le mani alzate. Ma la reazione della polizia non si è fatta attendere. “Siamo qui per protestare in modo assolutamente pacifico e abbiamo i video che lo dimostrano”. Così Luca Marsella, consigliere municipale di Cpi, spiega quanto accaduto.

“Non esistono mezzi termini – ha spiegato ancora – il ddl Zan è una legge liberticida: l’obiettivo non è tutelare da discriminazioni ma zittire ogni voce contraria alla vulgata del politicamente corretto, come dimostra la reazione delle forze dell’ordine che oggi hanno fermato una protesta legittima e pacifica a suon di manganelli. Abbiamo a che fare con gente che vorrebbe far iniziare percorsi di transizione anche a bambini in età scolare e prescolare. Dire che queste derive sono pericolose non è discriminazione: è la realtà. Zan e seguaci non rappresentano il paese, non rappresentano, se proprio vogliamo dirlo, neanche la comunità lgbtq. Non ci serve una legge che scambia l’opinione per discriminazione e arriva a minare qualsiasi fondamento del diritto. Noi siamo e resteremo in piazza contro una proposta di legge che non ha senso di essere in un paese come il nostro, dove diritti e doveri sono già assicurati a qualsiasi cittadino – ha concluso Marsella – a prescindere dal suo orientamento sessuale”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica