Raggi al ristorante con 400 seguaci, ma ai matrimoni massimo 30 invitati. Scopri la differenza…

giovedì 20 Maggio 19:10 - di Redazione

E’ stato Il Messaggero a rivelare che il prossimo 8 giugno Virginia Raggi farà partire la sua campagna elettorale in un ristorante di Ostia antica, la Tenuta dei Piani. Si sono prenotate 400 persone. Un po’ tantine in tempi di pandemia, in cui vige ancora il coprifuoco, altri ristoratori non possono servire coperti all’interno, e i matrimoni possono vedere un massimo di 30 invitati.

La polemica monta sui social. Scontata la critica all’evento: le regole non valgono per tutti. Per Virginia si chiude un occhio. Riccardo Maiani proprietario della ‘Tenuta dei piani’, spiega: “Siamo una azienda agricola all’interno della tenuta del principe Aldobrandini a Ostia antica. Per l’8 giugno le prenotazioni sono chiuse, 400 persone possono bastare. Allestiremo i tavoli, da 4 persone, all’esterno e sicuramente non ci saranno problemi di distanziamento, abbiamo ben 6 ettari di terreno. Ci sarà poi un manager Covid che si occuperà di controllare la giusta distanza tra le persone, di controllare la febbre e compilare i registri che saranno tenuti per 15 giorni’’.

Maiani sta anche mettendo a punto il menù della serata per i 400 ospiti, tra cui una trentina di vegetariani. ‘’Siamo specializzati in carne alla brace ma siamo pronti anche per piatti vegetariani. D’altronde siamo una azienda agricola, coltiviamo i nostri prodotti e siamo la prima licenza rilasciata dalla Regione come ristorante di campagna, in poche parole abbiamo meno vincoli rispetto agli agriturismi, a cominciare dal numero delle persone che possiamo accogliere, noi possiamo andare oltre le 80. Tornando al menù principale di sicuro ci saranno affettati e una grigliata mista, sul primo stiamo anche ragionando, forse una lasagna al ragù’’.

Dopo i mesi da incubo vissuti senza incassi, Maiani saluta con favore l’iniziativa elettorale di Raggi. ”Sui social mi hanno attaccato per questa cena, noto con tristezza che è già finito il buonismo nei confronti dei ristoratori“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *