Killer condannato all’ergastolo è scappato dal carcere di Perugia: è Domenico D’Andrea “Pippotto”

venerdì 7 Maggio 18:02 - di Lucio Meo

Recluso nel carcere di Capanne, a Perugia, con una condanna all’ergastolo per omicidio, un detenuto napoletano è evaso approfittando della sua permanenza all’esterno dell’istituto dove stava svolgendo attività lavorativa. “L’uomo era ammesso al lavoro ai sensi dell’articolo 21 dell’Ordinamento penitenziario nell’area esterna del carcere ed ha colto l’occasione per fuggire, presumibilmente, scavalcando una cinta bassa, vista anche l’esiguità del personale presente nei servizi esterni – spiega Fabrizio Bonino, segretario nazionale Sappe per l’Umbria – Una evasione frutto della superficialità con cui sono state trattate e gestite le molte denunce fatte dal sindacato sulle condizioni di sicurezza dell’istituto”.

L’evaso di chiama Domenico D’Andrea, detto “pippotto”

L’evaso si chiama Domenico D’Andrea, 38enne napoletano condannato nel 2007 all’ergastolo per rapina e omicidio, noto con il soprannome di “Pippotto” esponsabile dell’omicidio di Salvatore Buglione (4 settembre 2006) nei pressi di una edicola in via Pietro Castellino all’Arenella. L’uomo venne aggredito da un gruppo di quattro giovani di età compresa tra i 17 e i 24 anni nel corso di un tentativo di rapina.

Ergastolano scappato, l’allarme del sindacato

“Adesso è prioritario catturare l’evaso – aggiunge Donato Capece, segretario generale del Sappe – ma la grave vicenda porta alla luce le priorità della sicurezza (spesso trascurate) con cui quotidianamente hanno a che fare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria del carcere di Capanne. Nel 2020 si sono verificate nelle carceri italiane 81 evasioni da istituti penitenziari, 15 da permessi premio, 3 da lavoro all’esterno, 8 da semilibertà e 13 mancati rientri di internati. Serve un potenziamento dell’impiego di personale di Polizia Penitenziaria nell’ambito dell’area penale esterna e dei presidi di polizia sul territorio – anche negli Uffici per l’Esecuzione Penale esterna – per farsi carico dei controlli sull’esecuzione delle misure alternative alla detenzione, delle ammissioni al lavoro all’esterno, degli arresti domiciliari, dei permessi premio, sui trasporti dei detenuti e sul loro piantonamento in ospedale. E per farlo, servono nuove assunzioni nel Corpo di Polizia Penitenziaria”.L’ergastolano scappato, intanto, non si trova e c’è allarme non solo in Umbria.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )