Firenze, immigrato 18enne tenta di violentare una donna di 78 anni. E le rompe una costola

lunedì 17 Maggio 12:08 - di Fortunata Cerri
tunisino

Un giovane immigrato tunisino tenta di violentare una 78enne a Firenze. I carabinieri di Oltrarno hanno notificato, a carico di un 18enne francese di origine tunisina, un fermo di indiziato di delitto per il pericolo di fuga. Si temeva infatti che il giovane scappasse in Francia. È accusato di tentata violenza sessuale e rapina ai danni della donna di 78 anni. Il provvedimento è stato  disposto dal procuratore presso il Tribunale per i Minorenni di Firenze, Antonio Sangermano. All’epoca dei fatti contestati il francese di origine tunisina era ancora minorenne. Nei confronti del tunisino sono stati accertati «gravi indizi di colpevolezza» per l’aggressione dell’anziana italiana avvenuta lo scorso 13 aprile nei pressi di Piazzale Michelangelo.

Firenze, il tunisino arrestato dai carabinieri

Il provvedimento precautelare, spiegano gli investigatori dell’Arma, si è reso necessario «a seguito del compendio probatorio emerso nelle quarantotto ore precedenti l’emissione della misura, nonché di elementi inequivocabili, quali il controllo dell’indagato da parte delle forze di polizia in località ai confini con la Francia, che facevano presuppore il pericolo di un suo allontanamento».

L’aggressione della 78enne

Gli investigatori hanno avviato le indagini immediatamente dopo l’accaduto del pomeriggio del 13 aprile. In quella circostanza, la 78enne stava passeggiando nella zona di piazzale Michelangelo a Firenze. Ma ad un certo punto un ragazzo su un monopattino l’ha aggredita alle spalle. La donna è caduta per terra e  il ragazzo le ha abbassato i pantaloni nel tentativo di violentarla. Ma la la sua reazione ha impedito al giovane di andare oltre. A quel punto il tunisino le ha sottratto la borsetta e l’orologio. Poi è fuggito dopo averla violentemente colpita, cagionandole la rottura di una costola e un trauma toracico.

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi